7 cose che immaginiamo tu non sappia sull’Ungheria

Il cognome viene prima.

In Ungheria, quando le persone scrivono i loro nomi o si presentano, il loro cognome viene prima. Si dice “Nagy Gábor vagyok” o “Sono Nagy Gábor”. Questo non significa che le persone si chiamano per cognome; è semplicemente il modo formale di presentarsi o presentare un nome pubblicamente. Se fossi amico di Gábor lo chiamerei semplicemente Gábor. Vale la pena menzionare che oltre agli ungheresi, in tutto il mondo solo alcune persone asiatiche presentano i loro nomi in questo modo.

Prendi il mio nome, tutto quanto.

Per rimanere in tema di nomi, quando una donna ungherese si sposa il suo intero nome cambia. Quindi se Eva sposa Nagy Gábor, diventa pubblicamente Nagy Gáborné o signora Nagy Gabor/moglie di Nagy Gábor. Di nuovo, i suoi amici e la sua famiglia continueranno a chiamarla Eva, ma se fosse intervistata in TV il suo nome apparirebbe come Nagy Gaborné. È importante notare che questa tradizione non è così comune al giorno d’oggi, e le donne sposate possono fare come vogliono in fatto di nomi. Così mia moglie Anita (se vuole) può ora essere FitzGerald Colmné!

Gli ungheresi non sono slavi.

A parte l’Austria e la Romania, l’Ungheria è circondata da nazioni slave. Quindi è una sorpresa per molti che anche gli ungheresi non siano slavi. Le origini degli ungheresi, o magiari come si chiamano, sono un argomento di acceso dibattito e le teorie fantastiche abbondano. La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che le tribù magiare hanno avuto origine da qualche parte tra il fiume Volga e i monti Urali nell’attuale Russia. Altre scuole di pensiero suggeriscono che gli ungheresi hanno un’origine sumera/iraniana.

Altri ancora promuovono l’idea di una connessione con Attila e i suoi Unni predoni, come evidenziato dall’antica abilità equestre e di tiro con l’arco dei magiari. Ci sono anche prove che prima di stabilirsi nel bacino dei Carpazi (dove si trova ora l’Ungheria) i Magiari commerciavano e si allineavano con Turchi e Bulgari.

C’è certamente molta controversia e alcune persone prendono l’argomento dell’origine magiara MOLTO seriamente. Su una cosa penso che possiamo essere tutti d’accordo: Gli ungheresi sono indubbiamente unici!

Più così

Questo è il paese del vino.

Si potrebbe pensare che gli ungheresi abbiano una profonda storia di bevitori di birra come i tedeschi e i cechi. Si potrebbe anche supporre che gli ungheresi siano abituali bevitori di vodka come i loro vicini del nord. Ora non fraintendetemi, i magiari amano la loro birra e i loro liquori, ma storicamente questo è il paese del vino.

In Ungheria ci sono 22 regioni vinicole distinte e otto varietà di uva indigene. Testimonianze di viticoltura risalgono almeno al V secolo d.C. e solo tre lingue europee hanno parole per il vino che non siano di origine latina: La regione vinicola di Tokaj, nel nord-est dell’Ungheria, famosa per i suoi vini bianchi dolci Aszú e secchi Furmint, è la più conosciuta. Nel 1737, Tokaj fu delimitata come area vinicola nazionale dal re Karoly, rendendola la prima regione vinicola ufficiale del mondo, quasi 120 anni prima del Bordeaux francese.

Dopo la seconda guerra mondiale l’Ungheria cadde nelle mani dei sovietici. E in modo simile a tutto il resto, i comunisti scelsero la quantità piuttosto che la qualità e più o meno rovinarono la reputazione dell’Ungheria come produttrice di vini pregiati.

Ma molti piccoli viticoltori mantennero vive le loro tradizioni durante quei tempi bui. E oggi, viticoltori appassionati stanno facendo rivivere l’amore dell’Ungheria per il buon vino e a sua volta l’amore degli stranieri per il vino ungherese.

Gli ungheresi amano l’acqua calda.

Molti conoscono i famosi bagni termali Gellért e Széchenyi di Budapest, ma non tutti sanno che l’Ungheria trabocca di sorgenti termali. Il paese vanta circa 1.500 terme, 450 delle quali sono pubbliche. Il lago Hévíz , nell’Ungheria occidentale, è il 2° lago termale più grande del mondo e si trova vicino al lago Balaton (non termale, ma il più grande lago dell’Europa centrale). Inoltre, il bagno nelle grotte di Miskolc-Tapolca, nel nord dell’Ungheria, è uno dei due soli bagni termali naturali al mondo.

Gli ungheresi hanno cervello e muscoli.

Relativamente alla sua popolazione di circa 10 milioni, l’Ungheria è una nazione di grande talento. Non è un segreto che gli ungheresi hanno contribuito notevolmente alla scienza moderna con un numero impressionante di invenzioni e scoperte, tra cui l’elicottero, la penna a sfera e il cubo di Rubik. Alcuni dicono che la struttura della lingua ungherese è così unica che permette un treno di pensiero completamente diverso, e questo è il motivo per cui gli ungheresi sono stati così influenti dal punto di vista scientifico; le loro menti funzionano diversamente dal resto di noi.

L’Ungheria non è solo piena di nerd e scienziati pazzi però, con 476 medaglie olimpiche estive, questo piccolo paese ha anche la sua giusta quota di fenomeni sportivi. La nazione ha il maggior numero di medaglie di qualsiasi paese che non ha ospitato i giochi e la squadra di calcio ungherese è la più vincente nella storia delle Olimpiadi. Se ci basiamo sulla popolazione, l’Ungheria è seconda solo alla Finlandia per il maggior numero di medaglie d’oro vinte!

Per dare un nome ai tuoi figli è necessaria l’approvazione del governo.

Torniamo al gioco dei nomi: In Ungheria, sei obbligato a chiamare tuo figlio da una lista di nomi pre-approvata. La lista è ampia e in continua crescita. Ma se sei fissato su un nome per junior che non è elencato, devi presentare la tua domanda all’Istituto di ricerca linguistica dell’Accademia delle scienze ungherese e sperare che venga approvato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *