Cause di morte improvvisa nei criceti

Melissa ha completato un certificato in assistenza veterinaria e ha una laurea in biologia.

cause-of-sudden-death-in-criceti

“Archie” by SeniorPeter is licensed under CC BY 2.0

I criceti sono alcuni dei più comuni piccoli animali domestici in molti paesi, nonché un comune “starter” pet per i bambini più piccoli a causa delle loro piccole dimensioni, la cura relativamente facile, e la vasta disponibilità.

A volte, anche la durata molto breve dei criceti può essere interessante per i genitori che vogliono avere un animale domestico per i loro figli, ma non vogliono rimanere bloccati con lui quando i loro figli si trasferiscono. Sfortunatamente, molti criceti passano attraverso quello che viene spesso indicato come il loro criceto muore inaspettatamente o per “nessuna ragione”. In alcuni casi, due criceti moriranno addirittura uno vicino all’altro o nello stesso momento. Va notato che questo è un evento molto comune e spesso non è colpa del proprietario.

Segni di malattia

Anche se a volte può sembrare che i criceti muoiano senza preavviso, molti animali sono noti per nascondere la loro malattia finché non sono troppo malati per farlo. Questo è di solito quando sono a pochi istanti dalla morte. Ecco perché è essenziale prendere sul serio qualsiasi cambiamento nel comportamento del tuo animale, dato che i segni della malattia sono spesso estremamente sottili. Potrebbe essere una potenziale bandiera rossa se il tuo criceto mostra uno dei seguenti sintomi :

  • Letargia. Se il vostro criceto sembra meno attivo, soprattutto se è ancora nel fiore degli anni, questo può essere un segno di malattia avanzata.
  • Aumento dei tempi di sonno. Questo ci si può aspettare dai criceti più vecchi, ma può anche indicare una malattia.
  • Il pelo è trasandato.
  • Anoressia o cambiamenti nell’appetito.
  • Qualsiasi cambiamento nella defecazione.
  • Qualsiasi cambiamento nella respirazione.
  • Incremento del bere o della minzione.
  • Perdita di peso. Può essere incredibilmente utile pesare il tuo criceto anziano una volta alla settimana per monitorare eventuali cambiamenti di peso.
  • Esagerazione eccessiva.

Età avanzata

Naturalmente, dato che i criceti hanno una durata media di vita di 18 mesi a un anno con un massimo di 3 anni, la maggior parte dei criceti non dovrebbe vivere a lungo. Se avete adottato il vostro criceto in età adulta e non avete informazioni su quanti anni abbia effettivamente, il vostro criceto potrebbe essere facilmente vicino al completamento della sua durata di vita naturale.

L’età non è una malattia, tuttavia. E’ comunque una buona idea, se ne avete la possibilità, fare una necroscopia al vostro animale per cercare di scoprirlo con certezza, dato che la vecchiaia a volte può diventare una falsa pista. Tieni anche presente che se il tuo criceto è stato tenuto in condizioni più fredde, questo può indurre il tuo animale ad andare in letargo e sembrare morto.

Una necropsia può spesso portare tranquillità al proprietario dell’animale se si scopre che la causa della morte non era evitabile (questo può accadere anche se il tuo criceto non era anziano). L’età avanzata negli animali può anche esacerbare qualche condizione preesistente non rilevata. La medicina veterinaria è limitata rispetto alla medicina umana, e ci sono ancora meno opzioni per gli animali domestici “esotici” molto piccoli, quindi alcune condizioni che sono trattabili in cani e gatti possono non essere fattibili per i criceti.

casi di morte improvvisa neicriceti

“First Encounter” by Dennis S. Hurd is licensed under CC0 1.0

2.Stress

Lo stress non è una malattia ma una condizione che può influenzare drammaticamente la durata della vita del criceto indebolendo il suo sistema immunitario, portando alla malattia. Il batterio Clostridium piliforme può essere opportunista in criceti stressati e immunocompressi. Lo stress può anche esacerbare condizioni preesistenti come le malattie cardiache. È comunemente suggerito che i criceti che sono morti inaspettatamente sono morti per un attacco di cuore o ictus, che può essere indotto da stress acuto o cronico. Questa può anche essere una morte normale legata all’età.

Malattia cardiaca

  • L’insufficienza cardiaca congestizia nei criceti è una probabile causa di morte per i criceti che muoiono improvvisamente. Questo si verifica quando i criceti più vecchi o i criceti con una predisposizione genetica hanno muscoli cardiaci indeboliti che non possono pompare il sangue in modo efficiente. Distress respiratorio, movimenti irregolari, edema (ritenzione di liquidi nell’addome) e colore bluastro della pelle sono possibili sintomi. La trombosi si verifica comunemente secondaria all’insufficienza cardiaca. Alcuni sintomi includono cianosi (i piedi sono di colore blu), iperpnea (respirazione rapida), e la morte dopo una settimana di questi segni. Trasmessa da un gene recessivo, la malattia coinvolge il cuore e l’indebolimento dei muscoli, portando infine alla morte precoce a causa di insufficienza cardiaca in alcuni criceti .
  • Uno studio che osserva i cambiamenti dei criceti “sani” e cardiomiopatici (CM) ha trovato che i criceti CM avevano una durata di vita più breve e subirono cambiamenti patologici dannosi al loro cuore prima. Alcuni di questi criceti sono morti naturalmente già da 11-13 mesi. Pertanto è possibile che l’insufficienza cardiaca si verifichi ben al di sotto della durata prevista della vita di un criceto.

Coda bagnata

“Coda bagnata” è un termine comune usato per descrivere la diarrea nei criceti, e può anche essere indicato come ileite proliferativa, enterite regionale, ileite terminale, enterite regionale, adenocarcinoma intestinale enzootico, iperplasia ileale atipica, ed enterite del criceto nei criceti dorati . Si tratta di una delle più comuni malattie spontanee dei criceti, ed è spesso distinta come un’infezione dal batterio Lawsonia intracellularis nei giovani criceti (3-10 settimane di età).

La diarrea nei criceti adulti può essere associata ai batteri Clostridium difficile, Escherichia coli, Proteus morganii o Clostridium piliforme; quest’ultimo causa la malattia di Tyzzer ed è associato a parassiti, sovraffollamento, alta temperatura, malnutrizione e stress. L’infezione da Cryptosporidium è stata anche associata alla coda bagnata. Si vede solo in animali immunocompromessi.

Un modo semplice per determinare se il vostro animale ha la coda bagnata è l’umidità intorno alla regione genitale del criceto. Possono anche diventare disidratati. Altri sintomi includono perdita di peso, anoressia, cappotto disordinato, letargia e una postura ingobbita. Lo stress può essere un fattore che contribuisce allo sviluppo di questa malattia. A volte i sopravvissuti alla coda bagnata possono sviluppare e soccombere a un’ostruzione completa o parziale dell’ileo. Purtroppo, ha un tasso di mortalità fino al 90% e la morte di solito si verifica entro 24-48 ore dopo la prima comparsa dei sintomi.

Polmonite

Questa infezione dei polmoni è probabilmente la seconda malattia potenzialmente letale più comune nei criceti. Alcuni dei batteri associati alla polmonite includono Diplococcus sp, Pasteurella pneumotropica, Streptococcus sp. e Staphylococci sp. Il virus Sendai è stato anche conosciuto per causare la polmonite nei criceti ed è stato isolato nei polmoni dei criceti dai rivenditori di animali domestici.

Mycoplasma pulmonis e Pasteurella pneumotropica sono le tipiche cause di polmonite nelle colonie di criceti ben gestite.

Cancro

  • Detto anche neoplasia, le aree più comuni in cui i criceti si ammalano spontaneamente sono il tratto gastrointestinale, il sistema ematopoietico, la pelle e le appendici. Il linfoma è il tumore più frequentemente riportato del sistema ematopoietico. I criceti affetti da linfoma cutaneo possono presentare anoressia, alopecia (perdita di pelo a chiazze) e perdita di peso. Questi sintomi possono portare a una diagnosi errata di malattia di Cushing.
  • I melanomi, che si verificano sulla pelle, sono segnalati frequentemente e per lo più nei criceti maschi.
  • I criceti Jungariani (winter white) contraggono malattie neoplastiche a un tasso che è 5 volte maggiore rispetto ai criceti siriani, con la maggior parte dei tumori che sono integrali.
  • Il cancro è meno comune nei criceti rispetto ad altri animali come i ratti, il pollame domestico e alcuni ceppi di topi, ma è comunque frequente e probabilmente passa inosservato quando i criceti muoiono inaspettatamente.
Criceto bianco invernale

Criceto bianco invernale

“File:Phodopus sungorus (Gandalf)2.JPG” by Elgull is licensed under CC BY-SA 3.0

Altre infezioni

I criceti possono contrarre varie infezioni virali, batteriche, fungine e parassitarie.

  • Il virus del polioma del criceto (HaPV) causa un linfoma epizootico nei giovani criceti siriani ed epiteliomi nei criceti più vecchi infettati enzooticamente; questi ultimi sviluppano tumori della pelle.
  • Il virus della coriomeningite linfocitica (LMCV) nei criceti è una malattia zoonotica (può essere trasferito all’uomo) che è mortale nei piccoli roditori. I sintomi sono deperimento, anoressia, letargia, perdita di peso, convulsioni, blefarite e postura ricurva.
  • Lo pseudomicetoma batterico richiede l’escissione.
  • I criceti infettati da Demodex criceti e Demodex aurati, che sono acari, normalmente guariscono con il trattamento, tuttavia la mancanza di risposta al trattamento indica una malattia grave sottostante e spesso porta alla morte. Tali fattori sottostanti includono cancro, stress, vecchiaia, malattie renali, malnutrizione e iperadrenocorticismo.

Malattia renale

La malattia renale degenerativa colpisce i criceti più anziani e ha una maggiore prevalenza nelle femmine, con formazione di depositi amiloidi come evento concomitante

Alcune prove suggeriscono che i criceti nutriti con una dieta più ricca di proteine possono aumentare le possibilità di nefrite. Uno studio ha concluso che i criceti nutriti con diete che contenevano il 12% di proteine avevano sia una dimensione corporea paragonabile a quella dei criceti nutriti con diete con il 18% e il 24% di proteine, ma una minore incidenza di nefrite.

Malattia policistica

Questa è una malattia che si verifica spontaneamente nei criceti a partire da un anno di età, in cui negli organi si formano sacche a pareti sottili piene di liquido. Le aree colpite includono il fegato, l’epididimo, il pancreas e l’esofago, anche se il fegato è il sito più comune.

Amiloidosi

  • Questa è una malattia che può verificarsi spontaneamente nei criceti anziani e un modo in cui i criceti muoiono di “vecchiaia”. Comporta l’accumulo di una sostanza chiamata amiloidi negli organi e si verifica nel fegato, nella milza, nei reni e nelle ghiandole surrenali dei criceti anziani.
  • La perdita di peso è un segno comune di amiloidosi epatica (fegato) e renale (reni).
  • È più comune e più grave nei criceti femmina, anche se è comune nelle strutture di ricerca in cui il sovraffollamento è un problema, e molto meno comune nei criceti domestici che sono alloggiati da soli .

Diabete

Il diabete è poco comune o raro nei criceti, ad eccezione del criceto cinese, in particolare da linee inbred. Le razze di criceti “nani” sono più inclini al diabete in generale. Si tratta di livelli superiori al normale di zucchero nel sangue causati dalla mancanza di produzione (o dall’uso inefficace) di insulina.

I sintomi del diabete nei criceti sono aumento della sete, del bere e della pipì, così come perdita di peso, letargia e urina dall’odore forte. Può essere possibile gestire il diabete nei criceti con una dieta speciale per prolungare la loro vita.

cause-di-morte improvvisa neicriceti

“Groundhog Day” di Dennis S. Hurd is licensed under CC0 1.0

Queste sono solo alcune delle malattie e condizioni che possono apparentemente uccidere rapidamente i criceti con poco preavviso. È importante ricordare che ci sono altri possibili modi in cui i criceti possono morire inaspettatamente e indagare accuratamente ogni circostanza con una mente aperta. È comune non trovare mai alcuna prova per trarre una conclusione definitiva su ciò che è successo, quindi non stressatevi per la mancanza di risposte, e se scegliete di prendere un altro criceto, assicuratevi di curare il vostro animale al meglio delle vostre capacità, prestando particolare attenzione alla dieta, all’arricchimento e al design del recinto, riducendo lo stress il più possibile.

  1. Amend, N. K., et al. “Transmission of enteritis in the Syrian hamster.” Laboratory animal science 26.4 (1976): 566-572.
  2. Camden Pet Hospital. “Segni di malattia nei criceti”. On-line Accessed on 11/7/19 at https://camdenpethospital.com/2015/09/15/san-jose-ca-vet-illness-hamsters/
  3. Donelly, Thomas. “Criceti.” L’Istituto Kenneth S Warren. Accessed On-line at https://www.merckvetmanual.com/exotic-and-laboratory-animals/rodents/hamsters
  4. Feldman, D. B., E. E. McConnell, and J. J. Knapka. “Crescita, malattie renali e longevità dei criceti siriani (Mesocricetus auratus) alimentati con vari livelli di proteine”. Laboratory animal science 32.6 (1982): 613-618.
  5. Frisk, Craig S., and Joseph E. Wagner. “Enterite del criceto: una revisione”. Animali da laboratorio 11.2 (1977): 79-85.
  6. Gerritsen, George C. “Il criceto cinese come modello per lo studio del diabete mellito.” Diabetes 31.Supplement 1 (1982): 14-23.
  7. Grant, David. “Demodicosi nel criceto”. Pratica veterinaria. Migliorare internazionale. 2019.
  8. Hess, Laurie e Axelson, Rick. “Possedere un criceto domestico”. Life Learn Inc. On-line Accessed at https://vcahospitals.com/know-your-pet/owning-a-pet-hamster
  9. Homburger, F., et al. “Miopatia ereditaria nel criceto siriano: studi sulla patogenesi.” Annals of the New York Academy of Sciences 138.1 (1966): 14-27.
  10. Huynh, Minh e Charly Pignon. “Malattia gastrointestinale nei piccoli mammiferi esotici”. Journal of Exotic Pet Medicine 22.2 (2013): 118-131.
  11. Jacoby, Robert O. “Transmissible ileal hyperplasia, hamster.” Sistema digestivo. Springer, Berlino, Heidelberg, 1985. 346-355.
  12. Jasmin, G., e L. Proschek. “Polimiopatia ereditaria e cardiomiopatia nel criceto siriano. I. Progressione delle lesioni del cuore e del muscolo scheletrico nella linea UM-X7. 1.” Muscolo & Nervo: Official Journal of the American Association of Electrodiagnostic Medicine 5.1 (1982): 20-25.
  13. Orr, James P. “Cryptosporidium infection associated with proliferative enteritis (wet tail) in Syrian hamsters.” The Canadian Veterinary Journal 29.10 (1988): 843.
  14. Ottenweller, John E., et al. “Invecchiamento cardiovascolare nei criceti siriani: similitudini tra invecchiamento normale e malattia”. Experimental aging research 13.2 (1987): 73-84.
  15. Pet Md. “Insufficienza cardiaca congestizia nei criceti”. Accessed 11/7/19 On-line at https://www.petmd.com/exotic/conditions/cardiovascular/c_ex_hm_congestive_heart_failure
  16. Proschek, L., and G. Jasmin. “Polimiopatia ereditaria e cardiomiopatia nel criceto siriano. II. Sviluppo di cambiamenti necrotici del cuore in relazione alla funzione mitocondriale difettosa”. Muscolo & Nervo: Official Journal of the American Association of Electrodiagnostic Medicine 5.1 (1982): 26-32.
  17. Renshaw, Harland W., G. L. Van Hoosier Jr, and Norine K. Amend. “Un’indagine sulle malattie naturali del criceto siriano”. Animali da laboratorio 9.3 (1975): 179-191.
  18. Sheffield, F. W., e Elizabeth Beveridge. “Profilassi della ‘coda bagnata’ nei criceti”. Nature 196.4851 (1962): 294-295.
  19. Small Angels Rescue “Caring for Dwarf Hamsters”. On-line, Accessed 11/8/19 at http://www.smallangelsrescue.org/wp-content/uploads/2014/07/SARI-Dwarf-Hamsters-Diabetes-Info.pdf
  20. Sole, M. J., and S. M. Factor. “Cardiomiopatia del criceto: una distrofia simpatica geneticamente trasmessa?” Patogenesi della malattia cardiaca indotta da stress. Springer, Boston, MA, 1985. 34-43.

Questo articolo è accurato e vero al meglio delle conoscenze dell’autore. Non è inteso a sostituire la diagnosi, la prognosi, il trattamento, la prescrizione o la consulenza formale e personalizzata di un medico veterinario. Gli animali che mostrano segni e sintomi di sofferenza dovrebbero essere visti da un veterinario immediatamente.

Teresita on September 05, 2020:

@Dicinity

Anche la mia. È morta proprio ieri sera. Non ho nessuna idea. Perché quella mattina era così attiva e così dolce. Voleva che giocassi con lei. Poi l’ho riportata a casa sua, dopo 4 ore quando ho controllato, è morta,

Melissa A Smith (autore) da New York il 26 luglio 2020:

dicinity: Non sarai in grado di saperlo con certezza senza una necroscopia e questo non funzionerà a meno che tu non abbia tenuto il corpo refrigerato per tutto questo tempo. Purtroppo è comune che i criceti muoiano improvvisamente. Puoi usare questo articolo per esaminare le possibili ragioni.

dicinity on July 24, 2020:

il mio criceto è morto molto improvvisamente ed era così giovane che non ho idea di cosa le sia successo! PLEASE HELP!

amelie gooding on 31 May, 2020:

Ho quasi ucciso il mio criceto sabato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *