Che cos’è il JIT e come funziona?

JIT

La vostra organizzazione ha preso in considerazione un sistema JIT per la sua supply chain?

Ci sono molti benefici che derivano dalla metodologia “just in time” se la si può implementare correttamente. Non è la più semplice da eseguire, però, e non vale la pena buttarsi senza conoscere i fatti. Quindi, in questo post del blog, vi guideremo attraverso le specifiche di cosa è un sistema JIT e come funziona, in modo che possiate determinare se è la prossima migliore decisione da prendere per la vostra azienda.

Non siete ancora sicuri che il JIT sia la migliore soluzione per le vostre operazioni dopo aver letto questo post del blog? Contattateci e lasciate che vi aiutiamo a trovare la prossima migliore piattaforma per gestire la vostra produzione e il vostro inventario!

Che cos’è JIT?

Just in time (JIT) è un sistema di produzione e di inventario che aiuta ad aumentare l’efficienza e a diminuire le perdite. Questa strategia di gestione della catena di approvvigionamento mira ad allineare i fornitori di materie prime direttamente con il programma di produzione e gli ordini dei clienti. Questo essenzialmente assicura che i materiali siano spediti “just in time” per quando la fabbrica è pronta a produrre le merci, e che le merci siano prodotte “just in time” per essere spedite ai clienti o ai centri di distribuzione.

JIT sposta i materiali nel posto giusto al momento giusto, appena prima che siano necessari. Questo aumenta l’efficienza minimizzando lo spazio richiesto per “tenere” i materiali prima che siano effettivamente necessari. Diminuisce anche gli sprechi e le perdite ricevendo la giusta quantità di merce per il processo di produzione. Il JIT mantiene il processo fluido e snello senza un sacco di roba extra in giro.

Esempio di JIT

Il sistema JIT è talvolta chiamato Toyota Production System (TPS), perché la casa automobilistica Toyota ha adottato questo sistema, come uno dei suoi primi e più importanti leader negli anni ’70. Toyota usa ancora il metodo JIT, ed è una delle sue principali chiavi di successo.

Toyota ha installato il metodo negli anni 70, ma non ha cominciato a funzionare efficacemente per loro per circa 15 anni. Però hanno persistito, ed è diventato uno dei fattori di differenziazione competitiva di Toyota.

Ancora, Toyota ha visto alcune sfide con questo modello. Nel febbraio 1997, un incendio in un fornitore di parti automobilistiche di proprietà giapponese (che produceva valvole P per i veicoli Toyota) ha causato una chiusura totale. Era l’unico fornitore del pezzo, quindi Toyota ha dovuto fermare la produzione per diversi giorni fino a quando non sono arrivati i pezzi. Questo si è propagato verso l’esterno e ha causato la chiusura temporanea di altri fornitori, poiché il modello JIT non ha la capacità di recuperare questo tipo di tempo perso.

Sono tornati in pista, ma la produzione è stata drammaticamente rallentata e gli ordini dei clienti non sono stati soddisfatti in tempo. Non è ancora un sistema completamente infallibile.

Molti altri produttori di automobili hanno adottato un sistema simile. Operano con bassi livelli di inventario e si affidano pesantemente alla catena di approvvigionamento per consegnare i pezzi per le auto su una base di necessità dopo aver ricevuto un ordine. Questo funziona bene per i prodotti più grandi che le persone sono disposte ad aspettare se necessario, come le automobili.

Avantaggi

Il sistema Just In Time riduce la quantità di inventario che è “seduto” lungo la catena di approvvigionamento. Questo riduce la necessità di immagazzinare o spedire materiale in eccesso, che a sua volta minimizza i danni, le perdite e i costi. Le parti della catena di approvvigionamento si muovono rapidamente, creando un processo più snello.

Questo processo taglia i costi d’inventario poiché i produttori non devono pagare i costi di stoccaggio. Inoltre non rimangono con l’inventario invenduto, anche se gli ordini vengono cancellati o non soddisfatti.

Lo scopo del sistema JIT è quello di trasformare l’intera catena di approvvigionamento in una macchina ben oliata, con passaggi di mano senza soluzione di continuità tra tutti i partner e i marcatori logistici.

Svantaggi

Nonostante i vantaggi del JIT, può essere difficile da gestire nella pratica. L’intera catena di approvvigionamento deve essere perfettamente sincronizzata da A a B, il che è comprensibilmente una sfida con così tanti pezzi in movimento. Richiede ai produttori di prevedere accuratamente la domanda in anticipo, in modo da sapere esattamente quali merci inviare e quando. I previsori devono sapere cosa vogliono i clienti e quando lo vogliono, fino alla scienza. Se un’azienda non conosce a fondo il suo mercato, il suo pubblico e la sua tempistica, la metodologia JIT può portare a seri intoppi.

Oppure, se una parte del puzzle si rompe come abbiamo visto nell’esempio della Toyota, anche il resto della linea deve fermarsi e aspettare. Non c’è molto spazio per gli errori.

Come far funzionare il JIT

I modelli JIT falliscono a causa di una previsione sbagliata delle scorte e/o quando sorge un problema di produzione o di qualità. Per esempio, quando un fornitore ha un guasto al macchinario o non sta rispettando la sua parte di produzione, tutti gli altri partner devono aspettare e l’intero sistema deve fermarsi nel frattempo.

Questo può portare a perdite di tempo e costi inaspettati che possono avere un impatto drammatico sulle organizzazioni. Spesso ci possono essere anche spese di spedizione, ritardi e altri costi nascosti che possono influenzare negativamente le operazioni aziendali.

Quindi, per avere successo con un modello JIT, le organizzazioni hanno bisogno di:

  • Produzione costante, produzione consistente
  • Fornitori affidabili
  • Macchinari di qualità e lavorazione senza guasti
  • Previsori di prim’ordine, idealmente guidati dall’intelligenza artificiale

Alcune aziende stanno usando l’apprendimento automatico con l’intelligenza artificiale per prevedere la domanda e prevedere potenziali problemi in anticipo. L’apprendimento automatico e la connettività di rete attraverso l’Internet delle cose permettono al JIT di funzionare in modo più efficace che in passato. Per esempio, gli ERP cloud e le tecnologie blockchain permettono a più divisioni e partner di condividere e analizzare i dati in tempo reale per prendere decisioni veloci ed efficienti. I partner della supply chain possono tenersi aggiornati l’un l’altro fino al secondo, così tutti sanno esattamente dove si trovano gli ordini lungo la linea e cosa sta succedendo.

Un sistema Just In Time vale la pena?

L’obiettivo primario di una supply chain organizzata è quello di fornire ai clienti quando e come vogliono le loro merci. Un sistema Just In Time può ottenere questo risultato se eseguito in modo efficace ed efficiente. Può ottimizzare e snellire la catena di approvvigionamento riducendo i costi, portando i materiali sul mercato quando sono necessari.

Un sistema JIT non è però adatto a tutte le aziende. Un piccolo guasto può causare una grande battuta d’arresto. Quindi non vale la pena di sradicare l’intero business per questo modello, a meno che non abbiate fatto delle ricerche, creato un forte team di implementazione per l’intera supply chain, esaminato le previsioni di intelligenza artificiale e collaborato con un’azienda logistica che sa come farlo.

Lavorate con Redwood Logistics per trovare i processi e i sistemi della supply chain che funzioneranno meglio per la vostra azienda. Usiamo la tecnologia e i servizi umani per personalizzare soluzioni specifiche per le vostre esigenze logistiche, in modo che i costi siano bassi e le operazioni ottimizzate.

Non vediamo l’ora di chiacchierare con voi per la vostra consultazione gratuita per trovare il giusto processo di supply chain per soddisfare le vostre esigenze aziendali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *