Germania nazista – Anschluss

Carico…

Nel 1938, Hitler si sentiva abbastanza forte da pianificare un’unione o Anschluss con l’Austria. Questo faceva parte del suo obiettivo di unire tutti i popoli di lingua tedesca in un solo paese. Era proibito dal Trattato di Versailles quindi Hitler dovette pianificare molto attentamente.

Hitler iniziò ordinando al partito nazista austriaco di creare più problemi possibile. I nazisti austriaci tennero parate e marce, incendiarono edifici, fecero esplodere bombe e organizzarono combattimenti. Quando il governo austriaco li bandì, Hitler tenne un incontro con il leader austriaco Kurt Schuschnigg. Hitler minacciò di invadere l’Austria a meno che Schuschnigg non avesse dato tutti i posti importanti del suo governo ai nazisti. Schuschnigg scese a compromessi nominando il nazista Seyss-Inquart come ministro dell’Interno.

Carico…
Carico..

Francia e Gran Bretagna si rifiutarono entrambe di aiutare l’Austria, così il 9 marzo 1938 Schuschnigg annunciò la sua intenzione di tenere un plebiscito per permettere al popolo austriaco di decidere da solo se unirsi alla Germania o no. Hitler spostò le truppe al confine austriaco e chiese a Schuschnigg di annullare il plebiscito. Schuschnigg non ebbe altra scelta che conformarsi e dimettersi.

Seyss-Inquart, ministro degli interni nazista prese il suo posto e chiese immediatamente a Hitler di inviare l’esercito tedesco in Austria per aiutare a ristabilire l’ordine. Hitler fu ora in grado di entrare in Austria il 13 marzo su “invito”. Insieme all’esercito arrivarono la Gestapo e le SS per occuparsi degli oppositori dei nazisti. Schuschnigg si ritrovò a pulire i bagni pubblici mentre gli ebrei austriaci venivano fatti scendere e pulire le strade con le mani e le ginocchia. In poco tempo si sarebbero ritrovati nei campi di concentramento mentre il popolo austriaco viveva sotto un regime nazista di terrore.

Dopo essere riuscito a conquistare l’Austria, Hitler usò tattiche simili per conquistare l’area dei Sudeti della Cecoslovacchia che conteneva oltre tre milioni di tedeschi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *