Impattazione fecale

Il trattamento dell’impattazione fecale richiede sia il rimedio dell’impattazione che il trattamento per prevenire future recidive. La diminuita motilità del colon si traduce in feci secche e dure che, in caso di impattazione fecale, si compattano in una grande e dura massa di feci che non può essere espulsa dal retto.

Vari metodi di trattamento tentano di rimuovere l’impattazione ammorbidendo le feci, lubrificandole, o rompendole in pezzi abbastanza piccoli per la rimozione. Enemi e lassativi osmotici possono essere usati per ammorbidire le feci aumentandone il contenuto d’acqua fino a renderle abbastanza morbide da essere espulse. I lassativi osmotici come il citrato di magnesio funzionano entro pochi minuti – otto ore per l’inizio dell’azione, e anche allora possono non essere sufficienti per espellere le feci.

I lassativi osmotici possono causare crampi e anche forti dolori quando i tentativi del paziente di evacuare il contenuto del retto sono bloccati dalla massa fecale. Il polietilenglicole (PEG 3350) può essere usato per aumentare il contenuto d’acqua delle feci senza crampi. Questo può richiedere da 24 a 48 ore per avere effetto, e non è adatto ai casi in cui l’impattazione deve essere rimossa immediatamente a causa del rischio di complicazioni o di dolore grave. I clisteri (come la soluzione salina iperosmotica) e le supposte (come le supposte di glicerina) funzionano aumentando il contenuto d’acqua e stimolando la peristalsi per aiutare l’espulsione, ed entrambi funzionano molto più rapidamente dei lassativi orali.

Perché i clisteri funzionano in 2-15 minuti, non lasciano tempo sufficiente per ammorbidire una grande massa fecale. Anche se il clistere ha successo nel rimuovere le feci impattate, queste possono rimanere troppo grandi per essere espulse attraverso il canale anale. I clisteri all’olio minerale possono aiutare a lubrificare le feci per facilitare il passaggio. Nei casi in cui i clisteri non riescono a rimuovere l’impattazione, il glicole polietilenico può essere usato per tentare di ammorbidire la massa per 24-48 ore, o se è necessaria la rimozione immediata della massa, può essere usata la disimpattazione manuale. La disimpattazione manuale può essere eseguita lubrificando l’ano e usando un dito guantato con un movimento a paletta per rompere la massa fecale. Il più delle volte la disimpattazione manuale viene eseguita senza anestesia generale, anche se può essere usata la sedazione. Nelle procedure più complesse, può essere utilizzata l’anestesia generale, anche se l’uso dell’anestesia generale aumenta il rischio di danni allo sfintere anale. Se tutti gli altri trattamenti falliscono, può essere necessario un intervento chirurgico.

Gli individui che hanno avuto un’imputazione fecale sono ad alto rischio di impatti futuri. Pertanto, il trattamento preventivo dovrebbe essere istituito nei pazienti dopo la rimozione della massa. L’aumento delle fibre alimentari, l’aumento dell’assunzione di liquidi, l’esercizio fisico quotidiano e il tentativo di defecare regolarmente ogni mattina dopo aver mangiato dovrebbero essere promossi in tutti i pazienti.

Spesso condizioni mediche sottostanti causano impatti fecali; queste condizioni dovrebbero essere trattate per ridurre il rischio di futuri impatti. Molti tipi di farmaci (in particolare gli antidolorifici oppioidi, come la codeina) riducono la motilità del colon, aumentando la probabilità di impatti fecali. Se possibile, dovrebbero essere prescritti farmaci alternativi che evitino l’effetto collaterale della costipazione.

Dato che tutti gli oppioidi possono causare costipazione, si raccomanda che a qualsiasi paziente che assume farmaci antidolorifici oppioidi vengano dati farmaci per prevenire la costipazione prima che si verifichi. I farmaci giornalieri possono anche essere utilizzati per promuovere la normale motilità del colon e ammorbidire le feci. L’uso quotidiano di lassativi o clisteri dovrebbe essere evitato dalla maggior parte degli individui perché può causare la perdita della normale motilità del colon. Tuttavia, per i pazienti con complicazioni croniche, possono essere necessari farmaci giornalieri sotto la direzione di un medico.

Il polietilenglicole 3350 può essere assunto quotidianamente per ammorbidire le feci senza il rischio significativo di effetti avversi che sono comuni con altri lassativi. In particolare, i lassativi stimolanti non dovrebbero essere usati frequentemente perché possono causare dipendenza in cui un individuo perde la normale funzione del colon e non è in grado di defecare senza prendere un lassativo. Anche l’uso frequente di lassativi osmotici dovrebbe essere evitato perché possono causare squilibri elettrolitici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *