Iniziare con il Parkour

Ricordi come ci si sentiva da bambino quando tutto il tuo tempo era speso ad esplorare
il mondo?

Ti aggrappavi, ti arrampicavi e ti facevi strada. Ricordi la prima volta che coraggiosamente
salivi in cima alle scale? O quando finalmente hai trovato il coraggio di saltare dal
divano e sei atterrato, sorridendo, a terra con un tonfo soddisfacente? O che ne dici di
quando hai corso, più veloce che potevi, sprintando attraverso uno spazio vuoto, solo perché
ti andava di farlo? Ricordi quando ti portavano al parco giochi dove potevi correre,
saltare, rotolare, arrampicarti, ridere e sporcarti con gli altri bambini?

Gioia. Questo è quello che hai provato.

Ogni volta che sei stato sfidato, ti sei fatto avanti per vincere quella sfida. Avevi
il coraggio di riuscire, e ogni successo ti sembrava la cosa migliore del mondo. Eri
libero. Non c’era modo di fermarti.

Ma tutti cresciamo, o almeno la maggior parte di noi. La società ci dice che le cose sono diventate
off-limits. Quando hai smesso di andare al parco giochi? Quando è stata l’ultima volta che siete andati
a piedi nudi nell’erba appena tagliata, e avete sentito la terra con i vostri piedi? Quando è stata l’ultima
volta che hai fatto capriole o sei rotolato giù da una collina fino a stordirti, e poi ci hai riso sopra
fino alle lacrime?

Anche noi abbiamo pensato a queste cose, e ci siamo resi conto che non c’era una risposta appropriata.

La verità è che il movimento è delizioso.

Quelli di noi che si definiscono traceurs (un praticante di parkour) o freerunners
vivono questa gioia ogni giorno. In fondo, si allena il parkour perché il movimento e
l’esplorazione sono fondamentalmente umani. Ti rende felice.

Al suo centro, la disciplina del parkour consiste nel distruggere l’auto-dubbio imparando
come concentrarsi sul miglioramento, sfidando te stesso ad essere migliore di quello che sei,
con la connessione con altre persone con mentalità simili che non vogliono altro che
il tuo successo.

Le ricompense dell’allenamento del parkour sono immense:

  • Miglioramento della salute fisica grazie ad un alto livello di movimento e attività
  • Massima quantità di controllo del corpo: agilità, equilibrio e potenza
  • Forza mentale attraverso il problem solving, la ripetizione e l’aumento della fiducia
  • Rispetto per se stessi grazie al raggiungimento di obiettivi apparentemente impossibili e “sovrumani”
  • Fare parte di una comunità di persone incredibilmente solidali, divertenti e rispettose: amicizia con altri traceur!

L’allenamento del parkour ruota intorno a due cose molto importanti: la progressione e la ripetizione.
Non si inizia cercando di saltare attraverso un divario di 10 piedi, dalla cima di una ringhiera all’altra.
Si inizia saltando sul posto, dove si sta in piedi. E lo fai più e più volte fino a quando non sei
abbastanza a tuo agio da saltare un po’ più in alto, spingendoti un po’ più lontano. È così che tutti noi
abbiamo iniziato, anche i “superuomini” come le persone del nostro team di performance, il Tribe.

Il parkour è una disciplina. È un lavoro duro. È un allenamento costante. Non ci sono segreti
scorciatoie. Non nasciamo “sovrumani”, con globi di fiducia, coordinazione e durezza mentale. Ci alleniamo a farlo. Impariamo a superare gli ostacoli. Impariamo a vedere le
opportunità. Ci sforziamo di aiutare gli altri, in modo che il loro successo diventi il nostro successo.

E il freerunning? È diverso dal parkour?

I movimenti sono gli stessi, ma la mentalità è diversa. Il parkour si concentra
sulla disciplina e sulla sfida a se stessi per crescere. I tracciatori si concentrano sull’allenamento, sul condizionamento e sul modo più efficiente di procedere. Il freerunning si concentra sull’esprimere se stessi. Si tratta di creatività, esplorazione e gioco.

Iniziare a muoversi: i blocchi di base del parkour

Ora che hai capito meglio perché dovresti fare parkour, cos’è,
e hai fatto il tuo primo passo, passiamo al secondo passo. Passiamo attraverso
le basi di base, che includono il riscaldamento, come condizionare, e i movimenti di base
come il salto, l’atterraggio, i volteggi e le manovre a muro.

  • Tutorial di APK Academy – vecchi, ma utili
  • Fight or Flight: Basic Vaults – ottimo tutorial sui volteggi di base
  • RogueOperative’s Guide to Starting Parkour – eccellente suddivisione con link ai movimenti

Trova e connettiti con altri traceur

Tutti i movimenti che hai imparato sopra possono essere praticati ovunque, da solo,
ma è molto meglio se trovi altri traceur con cui allenarti. Trovando una
comunità locale, si impara di prima mano da traceur esperti. È molto più facile imparare i movimenti quando puoi vederli accadere davanti ai tuoi occhi.
È anche molto più facile per un traceur esperto guidare il tuo movimento e indicare i modi per migliorare se è in piedi proprio accanto a te.

Come si fa a trovare una comunità locale?

Google e Facebook sembrano essere ottimi posti per trovare gruppi locali. La maggior parte delle grandi
città del mondo hanno comunità di parkour e freerunning
che sono gestite da allenatori esperti. Le città più piccole di solito hanno un piccolo gruppo
di traceurs dedicati. Anche i college e le università sono posti meravigliosi per
trovare gruppi.

  1. Vai su Google e digita “parkour city state”, dove sostituisci ‘city’ e
    ‘state’ con la tua località. Cerca in giro e probabilmente troverai pagine web con
    gruppi nelle vicinanze. Potresti anche provare “freerunning in città stato”. Se non
    trovi nulla qui, nessun problema, c’è ancora speranza.
  2. Vai su Facebook e cerca “parkour città stato”. Potresti trovare un
    gruppo o una pagina appartenente ad una comunità locale.
  3. Se non riesci a trovare nulla nella tua zona, allarga la tua ricerca ad una grande città vicina. Anche se ti ci vuole un’ora per allenarti con una comunità, vale la pena
    incontrarli un paio di volte, soprattutto se è la prima volta che ti alleni. Troverai che le comunità stabilite sono ben collegate nella tua zona, quindi viaggiando verso una grande città con una comunità più grande, potresti incontrare altre persone che vivono molto più vicino a te!
  4. Non c’è bisogno di essere intimiditi. Nella nostra esperienza, ogni gruppo accoglie i nuovi
    membri con abbracci e braccia aperte. Sono lì per aiutarti ad avere successo e non vogliono
    nulla di più che guadagnare un nuovo amico attraverso il parkour.

Che mi dici delle palestre o dei centri di allenamento?

Le palestre di parkour stanno iniziando ad emergere, ma sono ancora un po’ difficili da trovare.
Se sei interessato a ricevere un’istruzione professionale, prova a fare una rapida ricerca su Google
per trovare programmi di parkour o palestre nella tua zona. L’American Parkour Academy
ha sede a Washington, DC e abbiamo palestre affiliate in Minnesota (Fight or Flight
Academy), Florida (StrikeGym) e Hawaii (Precision Parkour).

Se non riesci a trovare una palestra, non preoccuparti. Il parkour è nato all’aperto e sarà sempre
praticato all’aperto. Infatti molti traceurs preferiscono praticare all’aperto. Ci sono
hotspot ovunque. Puoi allenarti nei boschi, nei parchi locali e nei campi da gioco,
o sul marciapiede di casa tua. Se sei interessato ad allenarti all’esterno in
ambiente naturale, il nostro amico Rafe Kelley ha alcuni grandi tutorial
e video ispiratori all’aperto sul suo canale Youtube.

Pensando fuori dagli schemi: potresti andare alla tua palestra locale e
visitarla durante gli orari di apertura. Chiama la palestra e spiega cosa vuoi
fare e vedi se ti permettono di visitarla per praticare il parkour. Questo è un ottimo modo per
praticare alcuni dei movimenti più avanzati di parkour e freerunning con tappetini
e trampolini in un ambiente sicuro e controllato. È anche un ottimo modo per incontrare
altri appassionati di “movimento” e forse qualche altro traceur!

Un’altra opzione sarebbe quella di visitare una palestra CrossFit e chiedere se si può portare
l’attrezzatura da parkour (allenatori di precisione, piccole ringhiere, volteggio) per allenare
il movimento naturale. Queste palestre sono tutte incentrate sulla promozione del movimento naturale
e tipicamente hanno un sacco di spazio aperto in cui ci si può allenare durante gli orari di
palestra aperta.

Cosa ti devi aspettare nella tua prima sessione di allenamento? Cos’è la marmellata?

Se è la tua prima volta, ti aspetta una sorpresa. Ognuno si allena nel proprio
spazio e livello, quindi non devi preoccuparti di ucciderti con un
allenamento. Dovresti dare un’occhiata alla nostra guida su
cosa indossare e cosa portare.

Quando la gente si riunisce per praticare il parkour, si chiama jam. Non è una cosa
intensa dove si corre per 2 ore di fila. È molto più rilassante.
Di solito le jam sono incentrate sugli hotspot.

Un hotspot è un luogo pieno di ostacoli che rendono l’allenamento divertente. In una jam
tipica, le persone iniziano in un hotspot e si allenano finché non si annoiano o non vogliono andare avanti. Poi camminano verso l’hotspot successivo. I traceurs esperti
hanno costruito un catalogo dei loro hotspot preferiti nelle aree in cui si
allenano, quindi seguili e conosci i tuoi spot!

Un’altra jam comune è una sessione di condizionamento. Queste sono jam incentrate sull’
allenamento. Di solito c’è un allenamento pianificato, e le persone si riuniscono per
allenarsi con gli altri. È molto più divertente allenarsi con altre persone, e si
ottenere di spingere te stesso come si segue il gruppo. Puoi anche imparare nuove
tecniche per condizionare il tuo corpo.

La gente riderà di me? Ho paura di mettermi in imbarazzo!

Relax. I Traceur sono noti per essere premurosi, compassionevoli e rispettosi.
Abbiamo bisogno di principianti! Se sei nuovo del parkour, fallo sapere a tutti. I traceur esperti faranno di tutto per aiutarti a iniziare e assicurarsi che tu sia a tuo agio.

Se hai paura di cadere e metterti in imbarazzo, resta nei paraggi per qualche minuto. Anche le persone che si sono allenate per più di 10 anni cadono e ridono di
sé stessi. Fa parte della disciplina. Nessuno riderà di te per aver fallito;
lavoreremo con te per rialzarti e continuare a provare finché non ci riuscirai!

Paura di cadere? Non averne. Come abbiamo detto prima, il parkour è tutta una questione di
progressione e ripetizione. Non farai nulla di folle, e non sei mai
forzato a fare alcun tipo di movimento. È tutto sotto il tuo controllo. Il peggio che
potrebbe accadere è che inciampi su un marciapiede, o che tu possa cadere sul sedere.
Lo facciamo tutti. Cadendo, imparerai a controllare il tuo corpo. Prima che tu te ne accorga, cadrai di proposito per fare pratica!

Parlando di cadute, devo prepararmi per un infortunio?

Puoi prepararti a qualche taglio, graffio o livido. Nella maggior parte dei casi, non
lo noterai nemmeno fino a quando non avrai finito. I traceurs più esperti di solito tengono
un kit di pronto soccorso a portata di mano durante le jam solo nel caso in cui si verifichino ferite più gravi.
Potresti voler mettere insieme un piccolo kit di pronto soccorso specifico per l’allenamento di parkour.

Tieni a mente che se inizi ad arrampicarti in luoghi pericolosi, c’è un reale
pericolo. Ma sei un principiante, quindi non dovresti arrampicarti in cima ai tetti,
o saltare sulle fosse della morte. Resta a terra e starai bene.

Altre domande? Contattateci. Siamo qui per aiutarti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *