Le organizzazioni di base sono importanti quanto il denaro per l’innovazione

Where’s Waldo avrebbe difficoltà a nascondersi in qualsiasi paese di questi tempi. L’interconnettività wireless è diventata in gran parte la norma, fornendo l’opportunità di collegare sette miliardi di persone a risorse e organizzazioni. Il lusso di accedere rapidamente alle informazioni e la facilità di comunicazione ha facilitato i mezzi per le comunità locali di essere partner alla pari nei progetti innovativi che vengono implementati dalle organizzazioni internazionali (IO). Questo ha dato origine all’innovatore di base: qualcuno che capisce i problemi locali, la cultura e il contesto, ed è un possibile partner per gli innovatori del Quartier Generale (HQ) che armeggiano dietro i loro schermi e non sono consapevoli delle sfumature della situazione che sono vitali per qualsiasi impresa.

Gli innovatori, sia sul campo che al quartier generale, non possono impiegare un approccio unico per affrontare le questioni regionali, che ora – più che mai – richiedono risposte globali e innovative più forti. Gli sforzi di coordinamento, guidati dalla base e dalle organizzazioni internazionali, su come progettare e implementare qualsiasi progetto è un’opportunità per combinare la conoscenza di prima mano dell’ambiente locale e le risorse del quartier generale. Ancora più importante, è anche un’opportunità per inculcare un approccio di gestione che monitori e valuti al meglio i cambiamenti attraverso un ciclo di feedback. In questo spirito, può valere la pena di impiegare un ciclo di feedback che incorpori un approccio top-down e bottom-up, che possa implementare il progetto/politica innovativa e rispondere con attenzione a situazioni che possono cambiare rapidamente a causa di fattori politici o ambientali.

Cosa significa grassroots? E come si collega con le organizzazioni internazionali?

Le organizzazioni di base sono composte principalmente da civili che sostengono una causa per stimolare il cambiamento a livello locale, nazionale o internazionale. Qui ci sono 15 esempi di organizzazioni di base che lavorano per il cambiamento in tutto il mondo. Gli approcci dal basso verso l’alto permettono ai cittadini – a volte attraverso le organizzazioni di base – di definire i propri obiettivi e come raggiungerli. L’approccio opposto è chiamato top-down, normalmente impiegato da organizzazioni internazionali, governi o corporazioni, che istituiscono politiche e regolamenti che influenzano le popolazioni che servono. E mentre questi sono due stili di gestione distinti, un ciclo di feedback degli approcci bottom up e top down può aiutare a tracciare e monitorare un progetto innovativo.

Per esempio, in tre distretti del Malawi, è stato lanciato un progetto innovativo chiamato Justice for Vulnerable Groups per affrontare i tassi di violenza di genere (GBV) e fornire una formazione per identificare e assistere correttamente le vittime di GBV, specialmente i bambini. Il progetto è stato monitorato dall’organizzazione non-profit Plan International (ufficio nazionale del Malawi) e implementato principalmente dal servizio di polizia del Malawi. Il finanziamento iniziale è arrivato dall’UNICEF e ha coinvolto stakeholder come il governo locale e la società civile per affrontare questioni e norme culturali, oltre a creare una proprietà comunitaria dell’innovazione. Il ciclo di feedback ha aiutato a identificare un bisogno, che l’UNFPA è stato in grado di colmare donando motociclette per aiutare gli agenti a rispondere più rapidamente alle chiamate di GBV. Il ciclo di feedback tra UNICEF (IO) e Plan International (un’organizzazione di base), e un’istituzione pubblica locale (il servizio di polizia) ha creato un investimento multi-stakeholder nel successo del progetto. Il risultato è stato un maggior numero di bambini delle scuole che hanno riferito direttamente alle autorità casi di GBV e agenti di polizia meglio equipaggiati per gestire adeguatamente le vittime e i potenziali casi di GBV.

Le iniziative popolari sono approcci su base comunitaria creati per affrontare problemi localizzati. I progetti sostenuti da organizzazioni locali possono guadagnare rapidamente slancio a livello locale perché sono generalmente attuati da attori locali. Inoltre, le organizzazioni più grandi potrebbero beneficiare delle iniziative locali di base che sono direttamente collegate ai problemi e alle persone che vivono nel bisogno. Questi gruppi sono i primi a rispondere alle crisi e testimoni critici di quali soluzioni sono più adatte al contesto. I partenariati possono rivelarsi fruttuosi quando le persone (organizzazioni di base) e le risorse (OI) si uniscono per affrontare un bisogno e un contesto. I gruppi di base capiscono i contesti sfaccettati e i problemi che potrebbero scoraggiare il progresso o bloccare le soluzioni innovative, mentre creano un senso di fiducia in una comunità, autenticando i potenziali benefici di un’innovazione, così come identificando i difetti e le iterazioni necessarie

Le partnership dal basso e dall’alto possono aiutare a creare alloggi temporanei, migliorare le risposte al cambiamento climatico, o semplicemente sostenere iniziative locali che lavorano sullo sviluppo sostenibile. Gli organizzatori di base sono già immersi nelle comunità e vivono nel paese, il che facilita test più lunghi e partnership più approfondite con le OI su qualsiasi progetto pilota. Possono anche aiutare a risparmiare denaro su test costosi e sull’invio di squadre in lunghe missioni. Lavorare con i partner sul campo può fornire l’opportunità di testare la trasferibilità di un’innovazione, in breve: duplicare o adattare un’innovazione alle esigenze di un altro paese con un problema localizzato simile.

Immaginiamo uno scenario ipotetico. Innovatori di un OI e del settore privato creano Rosie il robot che può essere l’aiutante dell’insegnante in classe per i bambini rifugiati. L’approccio top-down potrebbe grosso modo comportare:

  1. concettualizzare Rosie e raggiungere il consenso del prototipo tra le organizzazioni;
  2. costruire Rosie;
  3. testare Rosie in versione beta;
  4. identificare quali paesi → città → e infine, scuole per testare Rosie;
  5. testare Rosie nelle scuole identificate.

Tuttavia, i partner di base sono i più abili nell’identificare i problemi sul campo e le soluzioni che potrebbero aiutare a implementare una soluzione sostenibile. I team nazionali sono i più vicini alle persone colpite e, in quanto tali, possono condividere le informazioni sui bisogni prioritari delle comunità. Avere un forte ciclo di feedback sul terreno può identificare ed eseguire meglio tutte le fasi. Come le fasi 1 e 2, usando l’esperienza di prima mano per concettualizzare e costruire meglio Rosie, fino alla fase 3, in cui le organizzazioni possono fornire un terreno di prova per Rosie, e/o 4 e 5 fornendo agli innovatori HQ informazioni su contesti, risorse e cultura che sarebbero più adatti per la ricerca e lo sviluppo. Gli attori di base possono anche aiutare a sfruttare il rischio e promuovere la crescita dell’idea (o delle idee) di base di un’innovazione. Per lo scopo di questo scenario: essenzialmente, gli approcci bottom-up e top-down si collegano nel mezzo per condividere dati e informazioni sulle scuole, così gli innovatori e i leader della comunità possono prendere decisioni migliori su quali comunità trarrebbero beneficio dal testare Rosie nelle loro classi.

Ci sono molteplici modi in cui questo può funzionare, per esempio, un’organizzazione internazionale potrebbe avere un’idea da pilotare in diverse regioni per valutare l’impatto potenziale di un’innovazione. Un’organizzazione di base ha il vantaggio di conoscere la gente, la cultura e l’ambiente politico per prendere l’innovazione e implementarla meglio sul terreno. Questo potrebbe essere in Himalaya fino a Main Street, USA. Le organizzazioni di base sono gli occhi e le orecchie degli innovatori di HQ sul terreno, essendo in grado di fornire un feedback di routine e comunicare come la situazione si sta evolvendo sul terreno. Lavorare con organizzazioni di base responsabili può essere una grande risorsa per le IO, e ancora meglio per le innovazioni e i loro innovatori per ottenere i migliori dati grezzi e accurati su come pilotare un progetto.

Perché è importante che i partner di base siano coinvolti nei team di innovazione delle OI?

Molti equiparano l’idea di innovazione in definitiva alla tecnologia. E questo certamente può essere vero; tuttavia, l’innovazione può anche consistere nel far funzionare meglio un processo o una politica. Per esempio, si può migliorare una catena di approvvigionamento con la tecnologia o la politica. Una variabile importante nel rendere un’innovazione efficace è la proprietà della comunità. Un modo in cui alcune innovazioni sono considerate adatte allo scopo è quando rispondono adeguatamente a un bisogno delle persone interessate. Le innovazioni devono essere usate, adattate, usate di nuovo e poi migliorate. Tutto questo richiede una buona dose di pazienza, resilienza e buone capacità di comunicazione per lavorare insieme. Un ciclo di feedback che incorpora la base e le OI può identificare i rischi di un’innovazione non precedentemente delineata o altri usi, così come proporre miglioramenti futuri. I partner sul terreno comprendono l’appropriazione culturale necessaria per alcune innovazioni, quindi le modifiche necessarie permetteranno un’implementazione più agevole nella società. Quindi, stabilire un meccanismo per gestire al meglio la comunicazione tra il campo e il quartier generale è imperativo. Per esempio, usando l’esempio precedente di Rosie, senza conoscenze locali o sul campo, un team di innovazione potrebbe scegliere di testare Rosie nella scuola B, in base al numero di bambini rifugiati nelle classi. Tuttavia, la scuola A è stata una scelta migliore perché ha quasi lo stesso numero di bambini rifugiati e un programma di doposcuola gestito da un’organizzazione di base partner che può registrare dai bambini un feedback diretto per ulteriori ricerche e sviluppi.

Le organizzazioni di base sono dei grandi trascinatori per portare un’idea dal concepimento all’implementazione, e poi di nuovo al laboratorio per i miglioramenti. Gli uffici dell’innovazione o qualsiasi team di venture devono essere in grado di testare e usare le loro innovazioni per modellare i miglioramenti. Non possono essere le bambole di porcellana di una grande organizzazione internazionale, semplicemente lì per mostrare ma non per giocare. Ancora più importante, non possono essere soggetti a vergogna se falliscono in certi progetti. Questo è lo scopo di uno sforzo di innovazione: provare e fallire e poi provare a fallire meglio.

Cosa dobbiamo continuare a fare?

Secondo il significato dell’innovazione, dobbiamo continuare ad adattarci e a seminare per produrre risultati migliori, educare più persone sulle cause e continuare a colmare il divario. Soprattutto, gli innovatori devono adattarsi a camminare su questa linea delicata di innovare a tutto gas senza rompere il normale protocollo burocratico.

Le innovazioni non devono essere appariscenti o tecnologiche. Possono essere politiche, moduli educativi, o qualsiasi cosa che faccia qualcosa in modo nuovo e creativo. La linea di fondo è che l’idea di base deve funzionare. Permettere alle comunità di fiorire e prendere il proprio adattamento di un’innovazione o un miglioramento del proprio processo è già una pietra miliare importante.

Dovremmo continuare a rispondere pragmaticamente ai contesti: situazioni specifiche richiedono misure specifiche, e includere le organizzazioni locali di base ogni volta che è possibile. Questo faciliterà i piani di implementazione e l’estrazione di dati per la riflessione/innovazione futura. La cosa più importante è che un partenariato di base/IO può aiutare a identificare quale sano equilibrio di approccio dall’alto o dal basso sia necessario. Alcuni contesti possono richiedere più IO o un coinvolgimento diretto, come l’uso di tecnologie di frontiera per testare le gocce di vaccinazione con i droni o la blockchain/contratti intelligenti per rilasciare fondi alle ONG che lavorano con le persone colpite sul terreno. Altri contesti possono richiedere solo assistenza per migliorare una catena di approvvigionamento con la guida delle OI. Indipendentemente da ciò, abbiamo bisogno di capire quali contesti richiedono un miglioramento e/o quali contesti sono fuori con il vecchio e dentro con il nuovo! E la proprietà locale e il partenariato sono una variabile importante per la sostenibilità a lungo termine di un’innovazione.

Una cosa è certa: quando visito un nuovo paese, chiedo a un locale quando ho bisogno di indicazioni. Perché non dovrei fare lo stesso quando sto testando e adattando la mia nuova innovazione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *