Migliori impostazioni dell’equalizzatore per bassi migliori e più chiari

Chi non ama la buona musica?

Tutti sono destinati a battere i piedi o semplicemente a canticchiare con la melodia.

Se sei qualcuno che non è un fan della musica, allora forse hai capito tutto sbagliato fino ad ora.

Non preoccuparti. Ti copriamo le spalle!

Fidati di noi quando lo diciamo. Abbiamo alcune cose davvero sorprendenti per voi che renderanno il vostro mondo musicale più jazz.

L’unica parola per soddisfare le vostre domande è “Equalizer”.

Prima di andare avanti, diamo la mano a Equalizer e capiamo cosa è veramente.

Sembra troppo tecnico, ma cercheremo di spiegarlo a tutti voi e di renderlo facile come l’ABC.

Che cos’è l’EQ?

L’equalizzatore o EQ è fondamentalmente un processore del suono che permette di aumentare o ridurre certe gamme di frequenza. In termini semplici e più normali, migliora la qualità del suono.

L’equalizzatore consiste di frequenze che vanno da 20Hz a 20KHz. Questo è anche conosciuto come la gamma udibile per un orecchio umano. Quindi questo significa chiaramente che solo i suoni che cadono in questa gamma possono farvi sentire un tonfo sul timpano.

Perché EQ?

Tutti i suoni sono vibrazioni e la velocità di questa vibrazione è chiamata frequenza.

Quindi, i suoni che vibrano a una frequenza più lenta sono più bassi in tono e viceversa.

Non sarebbe interessante avere il controllo su ciò che si sente? A tutti noi piacciono i telecomandi, no?

Ciao, Equalizzatore!

Spiegazione delle diverse impostazioni di EQ

Ok, basta blaterare. Cerchiamo di capire le impostazioni che ti torneranno utili.

Sei pronto a equipaggiarti con questa nuova arma nel tuo arsenale musicale.

Prima di fare un passo in più, dovresti avere familiarità con le diverse gamme di frequenza e a cosa servono esattamente.

Ora che sappiamo le due frequenze estreme che hanno gli equalizzatori (cioè 20Hz-20kHz), abbiamo tutta una nuova gamma da giocare tra questi due confini.

Ogni frequenza che cade in questa gamma è usata per migliorare la qualità del suono della musica per renderla melodiosa.
Tutte queste frequenze sono ampiamente divise in 6 categorie principali:

  1. Sub-Bass

Di solito consiste di frequenze che vanno da 20Hz a 60Hz. Per sentirlo, hai bisogno di un buon sistema musicale o di un buon paio di cuffie.

  1. Bassi

Passando ai bassi, consiste in una gamma di frequenze tra 60Hz e 200Hz.

Quindi, amanti dei bassi, oggi avete finalmente trovato la vostra gamma di frequenze.

  1. Medi bassi

Questo gioca un ruolo significativo nel mixaggio della musica e va da 200Hz a 600Hz.

  1. Medi

Questa è la gamma su cui si concentra principalmente l’udito umano. Cioè la gamma da

600Hz a 3KHz. Quindi, fare bene qui può fare miracoli.

  1. Midi superiori

Le cose iniziano a diventare un po’ croccanti in questa gamma da 3KHz a 8KHz. Avete tutti sentito parlare della famigerata EDM. Fate attenzione a questa gamma di spettro di frequenza. Se può farti ballare la tua canzone preferita, può anche farti sanguinare le orecchie (se non l’hai mixata bene).

  1. Alti

Tutte le frequenze sopra gli 8KHz rientrano in questa gamma. Qui abbiamo i nostri alti e le frequenze “aeree”. Queste frequenze sono spesso più sentite che ascoltate come nel caso del sub-basso, ma hanno un buon impatto.

Bassi e alti

La musica che sentiamo è composta da molte frequenze diverse fuse insieme. Di tutte le frequenze, quelle più basse formano collettivamente il basso per l’armonia musicale, mentre quelle più alte contribuiscono agli alti. Gli alti, i bassi e il volume (come dimenticarlo!) sono regolati per colpire un punto dolce in modo che la musica suoni ancora meglio (e più fine). Le regolazioni, tuttavia, variano a seconda del pubblico e della musica.

I bassi hanno dimostrato di essere i preferiti di molti. Il fascino nelle feste e anche nei lunghi viaggi in auto. Il basso ha un “FAN-BASS” sempre crescente.

Impariamo quindi a fare le regolazioni perfette per avere un basso più potenziato e più chiaro!

Utilizzare le impostazioni di equalizzazione per un basso migliore nel PC

Cosa c’è di meglio che sedersi a casa e sintonizzarsi sul proprio brano preferito?

Se non hai un sistema home theatre in casa, non preoccuparti; il tuo pc farà il lavoro con poche variazioni.

Windows include un equalizzatore sonoro di base che può essere regolato.

  1. Hai bisogno di raggiungere l’icona “Controllo del volume” nella barra in basso a destra. Clicca con il tasto destro e seleziona “Dispositivi di riproduzione”.
  1. Apri le proprietà dell’altoparlante cliccando con il tasto destro sull’icona dell’altoparlante.
  1. Guarda attraverso tutte le sezioni delle “proprietà” che ti permettono di regolare i bassi. Può essere visualizzato sotto il nome di “bass boost”, “bass balance” o “enhancement”.
  1. Lì vedrai una serie di opzioni tra cui “equalizzatore”. Clicca su “equalizzatore” e diverse opzioni come pop, jazz, classica, basso saranno disponibili.
  1. Clicca su “basso”.

ed eccoti qui, libero di fare tutta la magia con la punta delle dita.

Sull’asse orizzontale, vedrai le gamme di frequenza in hertz(Hz) e sull’asse verticale, c’è il suono in decibel(dB). Diviso in due sezioni da 0dB. Sopra 0db è +6db e +12db e sotto è -6db e -12db.

Imposta il tuo sub-basso a +6db, il tuo basso a leggermente sotto +6db. Imposta i medi bassi a 0db e imposta i medi esattamente come il tuo basso. E i vostri medi superiori e alti leggermente al di sotto dei medi.

Ora mettetevi le scarpe da ballo e divertitevi!

Utilizzare le impostazioni di equalizzazione per migliorare i bassi nelle cuffie

Siamo tutti colpevoli di viaggiare con le cuffie e chiudere il mondo, chi non lo ama! Ma per aggiungere a questa meravigliosa esperienza, è necessario regolare le impostazioni dei bassi nelle cuffie.

Semplicemente aprite le impostazioni dell’equalizzatore sul vostro telefono e

  1. Imposta i sub-bassi leggermente sopra i +6db.
  2. Bassi esattamente tra 0db e +6db
  3. Imposta i medio-bassi leggermente sotto 0db.
  4. Imposta i medi e i medi superiori esattamente dove i bassi sono stati regolati.
  5. Infine, gli alti devono essere regolati leggermente più bassi dei medi superiori.

Non è fantastico? Hai la tua canzone preferita e anche con la tua scelta preferita di impostazioni dei bassi.

Scommetto che i tuoi viaggi saranno molto più piacevoli d’ora in poi.

Utilizzare le impostazioni di equalizzazione per migliorare i bassi in auto

Prima di addentrarci nelle impostazioni, sarebbe saggio avere una piccola idea delle caratteristiche.

Balance e Fade Control

Controllano la quantità di suono da ogni altoparlante. Il bilanciamento controlla gli altoparlanti da sinistra a destra mentre il fader permette di prendere il controllo da davanti a dietro.

Loudness

Sì, è importante. Il volume influenza lo sweet spot in misura molto maggiore. La musica melodiosa suonata troppo forte diventa discordante.

Livello Subwoofer (SW Level)

L’uscita RCA può essere utilizzata come uscita Subwoofer che migliora i bassi e ravviva l’atmosfera.

Si dovrebbe fare attenzione che l’uscita RCA sia utilizzata come uscita subwoofer mentre l’altoparlante posteriore funziona come full-range.

Quando si accende il livello Subwoofer “on”, si ha accesso alla regolazione dell’uscita subwoofer. Ora puoi cambiare le impostazioni per rendere l’uscita del subwoofer secondo la tua facilità e comodità.

Controllo dei bassi dinamici

Molte auto hanno la modalità dei bassi “dinamici” abilitata. Questa modalità si occupa di produrre bassi di alta qualità ed enfatizzazione nelle auto.
Ora che sappiamo molto sui nostri strumenti, è il momento di essere un artigiano migliore.
Regolare il suono dagli altoparlanti anteriori e posteriori. Gli altoparlanti anteriori possono fornire un suono molto lirico o acuto, ma quelli posteriori riempiono di profondità il suono degli altoparlanti anteriori.

Regola il livello del sub-woofer abbassando il filtro passa-alto degli altoparlanti anteriori alla minima frequenza che possono gestire. Ora, aumenta costantemente la frequenza finché non senti chiaramente le note basse.

Domande frequenti sulle impostazioni dell’equalizzatore dei bassi

Cosa fa un equalizzatore per l’audio in auto?

Ti permette di sintonizzare l’audio della tua auto dando alcune regolazioni nella gamma di frequenze.

Si deve usare un equalizzatore?

Decide solo tu. Ma usare l’equalizzatore migliora l’audio e la musica ti piacerà ancora di più.

Quale Hz è meglio per i bassi?

Il miglior settaggio per i bassi è tra la gamma di frequenze da 60Hz a 250Hz.

Il basso è ad alta o bassa frequenza?

Il basso è una gamma di frequenze basse. Tutte le voci dal suono profondo si trovano in questa gamma. Gli alti si occupano dei suoni ad alta frequenza.

Conclusione

Ecco fatto. Questa è la ripartizione delle impostazioni di equalizzazione che è meglio per un basso più chiaro. Non ci sono regolazioni specifiche che si rivelano perfette per tutti.

Queste impostazioni potrebbero essere un po’ diverse nel tuo dispositivo o nella tua auto. Ma qualche aggiustamento qua e là vi permetterà di godere di bassi perfetti.

Abbiamo cercato di portare queste impostazioni il più vicino possibile alla perfezione in modo che tutti voi possiate godere della vostra musica ancora di più.

Una volta che avrete imparato come funziona l’equalizzazione, iniziate a mixare la vostra musica e scoprirete altre cose che vi faranno innamorare della musica ad un livello completamente nuovo.

Di Ronald Ross

Essendo io stesso un musicista esperto, condivido esperienze che aiutano altri musicisti nel loro viaggio. Che si tratti di attrezzature musicali, servizi di streaming, strumenti o promozione della musica, cerco di coprire tutto a Loud Beats. Scopri di più su di me qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *