Nomine giudiziarie – Il giudice capo John G. Roberts, Jr.

Giudice Capo John G. Roberts, Jr.

Giudice Capo degli Stati Uniti

Il 29 settembre 2005, John G. Roberts, Jr. è stato confermato come giudice capo degli Stati Uniti.

BIOGRAFIA

John G. Roberts, Jr. è nato a Buffalo, New York, il 27 gennaio 1955.

È cresciuto nell’Indiana, dove è stato capitano della squadra di football del liceo e ha lavorato d’estate in un’acciaieria per pagarsi il college.

Nel 1976 si è laureato ad Harvard, summa cum laude, dopo soli tre anni.

Ha poi frequentato la Harvard Law School, dove è stato managing editor della Harvard Law Review e si è laureato magna cum laude nel 1979.

L’anno dopo essersi laureato, Roberts ha lavorato come assistente del giudice Henry J. Friendly della Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Secondo Circuito.

  • Friendly è acclamato come il preminente giudice d’appello della sua generazione. Il presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti Warren Burger ha detto del giudice Friendly che non poteva identificare nessun collega giudiziario più altamente qualificato per essere arrivato alla Corte Suprema degli Stati Uniti di Henry Friendly (Jeffrey B. Morris, Federal Justice in the Second Circuit 178 (1987)).

Dal 1980 al 1981, il presidente della Corte Suprema Roberts ha lavorato per l’allora giudice associato William H. Rehnquist alla Corte Suprema degli Stati Uniti.

Il presidente Roberts è stato poi assistente speciale del procuratore generale William French Smith dal 1981 al 1982.

  • In questo ruolo, ha consigliato il Procuratore Generale, ha scritto discorsi, e ha agito come rappresentante del Procuratore Generale presso altri funzionari del ramo esecutivo e dei governi statali e locali.

Dal 1982 al 1986, il presidente Roberts ha servito alla Casa Bianca come consigliere associato del presidente Ronald Reagan.

  • I suoi doveri alla Casa Bianca includevano la revisione delle proposte di legge presentate al Presidente dal Congresso, la stesura e la revisione degli Ordini Esecutivi, e in generale la revisione dell’intera gamma di attività presidenziali per problemi legali.

Nel 1986, il presidente Roberts ha lasciato la Casa Bianca per entrare nella pratica privata come associato presso lo studio legale Hogan &amp Hartson. Fu eletto socio un anno dopo. La sua pratica si è concentrata sul contenzioso in appello e, a detta di tutti, ha avuto molto successo.

  • Nel 1989, il Presidente Roberts ha discusso il suo primo caso davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti come avvocato d’ufficio nel caso United States v. Halper , 490 U.S. 435 (1989), un caso di doppia condanna. Ha prevalso per conto del suo cliente.

Dal 1989 al 1993, il presidente della Corte Suprema Roberts ha servito come Principal Deputy Solicitor General, il secondo in comando nell’Ufficio del Solicitor General.

  • Come Principal Deputy Solicitor General, il Chief Justice Roberts ha presentato e discusso una serie di casi davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti per conto del governo degli Stati Uniti.

Nel 1992, quando il presidente Roberts aveva 37 anni, il presidente George H.W. Bush lo nominò alla Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito di Washington. La nomina languì senza essere presa in considerazione dal Senato.

Nel gennaio 1993, il giudice Roberts è tornato a Hogan & Hartson e ha ripreso la sua pratica in appello.

Compreso il suo mandato come avvocato del governo, il presidente Roberts ha discusso 39 casi davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti, collocandosi tra i più esperti litiganti della Corte Suprema del paese.

  • Le sole argomentazioni del presidente Roberts alla Corte Suprema abbracciano una vasta gamma di questioni di competenza della Corte Suprema, tra cui l’ammiragliato, l’antitrust, l’arbitrato, il diritto ambientale, la libertà di parola/religione, il diritto sanitario, il diritto indiano, il fallimento, il fisco, la regolamentazione delle istituzioni finanziarie, il diritto amministrativo, il diritto del lavoro, la giurisdizione e la procedura federale, il commercio interstatale, i diritti civili e il diritto penale.
  • Oltre a rappresentare gli interessi delle imprese, il presidente della Corte Suprema Roberts ha rappresentato in tempi diversi gli Stati delle Hawaii, dell’Alaska e del Nevada nella difesa di diverse politiche sociali, sanitarie e ambientali statali davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti.
  • È stato ingaggiato dai vari procuratori generali dello stato che perseguono rivendicazioni antitrust contro Microsoft per difendere gli ordini correttivi della corte distrettuale davanti al D.C. Circuit.
  • Di tanto in tanto ha rappresentato anche imputati penali e indigenti su base pro bono.

Il giudice Roberts, membro del D.C. Bar, è anche ammesso ad esercitare davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Come avvocato, è stato ampiamente coinvolto nelle attività del bar:

  • Per esempio, è stato membro della United States Judicial Conference Advisory Committee on Appellate Rules, dell’American Law Institute, dell’American Academy of Appellate Lawyers, e del Legal Advisory Board del National Legal Center for the Public Interest.
  • Ha lavorato al Progetto congiunto bipartisan sullo Statuto del consigliere indipendente sponsorizzato dall’American Enterprise Institute e dalla Brookings Institution.

Nel maggio 2001, il presidente George W. Bush ha nominato Roberts per un posto nel D.C. Circuit. La sua nomina è stata riportata favorevolmente dal Comitato Giudiziario del Senato con un voto di 16-3. Il Senato ha confermato la sua nomina all’unanimità l’8 maggio 2003.

Il 29 settembre 2005, l’allora giudice Roberts è stato confermato dal Senato degli Stati Uniti e, dopo le dichiarazioni del presidente George W. Bush, ha prestato giuramento come 17° Presidente della Corte Suprema degli Stati Uniti da John Paul Stevens, giudice associato della Corte Suprema, nella Sala Est della Casa Bianca.

Il Presidente Roberts vive a Bethesda, Maryland, con sua moglie Jane e i loro due figli, Josie e Jack. Jane Sullivan Roberts è partner di Shaw Pittman a Washington, D.C. Ha un background in diritto tecnologico e attualmente dirige il programma di sviluppo professionale dello studio. Ha praticato nel settore privato come contenzioso e avvocato transazionale durante la sua carriera legale, incluso un anno in Australia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *