Perché questa donna pensa di essere brutta?

Image copyright Alanah
Image caption Alanah ha occasionalmente scattato 200 selfie al giorno, e li ha cancellati tutti

Alanah pensa di essere brutta, che non potrebbe essere più lontano dalla verità. Soffre di Disordine Dismorfico del Corpo (BDD), una condizione che porta le persone a diventare ossessionate dai difetti percepiti nel loro aspetto. Si pensa che circa una persona su 50 soffra di BDD, ma molti di noi – e anche alcuni medici – non ne conoscono l’esistenza.

“Ho pensato che fosse crudele per le altre persone dover vedere la mia faccia, che è davvero disgustoso”, dice la ventenne Alanah.

“Vedo segni su tutto il mio viso, che mia madre mi ha detto che lei non vede. Vedo che la mia pelle è irregolare e piena di macchie. Vedo che il mio naso è troppo grande e storto e sporge troppo. I miei occhi sono troppo piccoli.”

Alanah è una giovane donna bellissima, ma quando si guarda allo specchio non vede quello che vedono gli altri.

Soffre di Disturbo Dismorfico del Corpo (BDD), e quando la sua condizione era al massimo controllava ripetutamente il suo aspetto allo specchio, prendendosi il disturbo di mascherare qualsiasi difetto che pensava di vedere. La sua routine di trucco poteva richiedere fino a quattro ore, e anche dopo questo spesso si sentiva troppo ansiosa per uscire di casa.

“La mia routine all’epoca era di quattro o cinque strati di fondotinta e correttore. Anche il trucco degli occhi doveva sempre essere fatto, un trucco molto pesante, ed era costante”, dice Alanah. “Così ogni piccola imperfezione dovevo continuare a ritoccare e continuare a rifare la stessa cosa ancora e ancora.”

Si scaccolava anche la pelle – scaccolando ogni imperfezione finché la pelle non era rotta e cruda.

Image copyright Alanah

Da bambina dai capelli ricci era felice di essere fotografata e di apparire nell’album di famiglia, ma all’età di 14 anni le cose cominciarono a cambiare, per ragioni che lei non ha mai ben capito.

“All’epoca non me ne sono accorta, ma guardando indietro ora so che sono sintomi del BDD. Per esempio, ero a scuola ed ero molto consapevole di ciò che mi circondava. Mi guardavo intorno per vedere chi mi guardava, chi rideva, chi parlava”, dice.

“C’erano grandi finestre nella mia scuola. Guardavo nelle finestre per controllare il mio aspetto. Andavo in bagno molto più spesso, per controllare lo specchio”.

All’età di 15 anni, ha smesso di andare a scuola. Sua madre, Scarlett, l’accompagnava, ma Alanah – nonostante la sua voglia di studiare – non scendeva dalla macchina. Tornavano a casa e poi tornavano in macchina per fare un altro tentativo, ma ancora una volta Alanah non riusciva a scendere. L’esercizio poteva essere ripetuto fino a otto volte al giorno, dice Scarlett.

Questo portò Alanah a isolarsi molto, e fu devastante per sua madre osservare il cambiamento del suo carattere.

Scopri di più

Image copyright BBC/Reef TV/Rankin

No Body’s Perfect con Rankin e Alison Lapper sarà trasmesso giovedì 17 novembre alle 00:00 GMT su BBC Four. Puoi anche vederlo ora su BBC iPlayer (solo nel Regno Unito).

“Per i primi due o tre anni non sapevamo cosa fosse”, dice Scarlett.

“Da essere una persona di alto livello, molto sicura di sé, è semplicemente implosa, non poteva uscire. Dovevo farle il bagno, dovevo portarle da bere. E’ stata a letto tutto il giorno.

“E’ straziante perché so che ogni mamma pensa che i propri figli siano belli, ma non c’è letteralmente nulla di sbagliato in Alanah e penso che tutti possano vederlo”, dice Scarlett.

“È così frustrante, e in realtà ora so che non devo combattere se lei dice che è brutta, devo solo non continuare a parlarne. È quello che lei vede e basta, e devo lasciar perdere e cercare di concentrarmi su altre cose.

“La cosa peggiore è che, come mamma, devi proteggere i tuoi figli e aiutarli e mi sono sentita completamente impotente a non poter fare nulla per lei.”

Image copyright Alanah

Scarlett dice che sua figlia si arrabbiava se lei esponeva una sua fotografia in salotto, così quando gli amici che non vedeva da molto tempo le chiedevano come fossero i suoi figli ora, non aveva immagini della figlia da mostrare loro.

Ci volle molto tempo perché Alanah e sua madre ottenessero una diagnosi diDD. Alanah è stata diagnosticata molte volte erroneamente come se avesse un’angoscia adolescenziale o un’ansia sociale, finché alla fine la sua condizione è stata identificata correttamente alla Maudsley Clinic nel sud di Londra. La sua guarigione è iniziata durante un soggiorno di cinque mesi al North London Priory e ora ha regolari sessioni di terapia cognitivo-comportamentale.

Nonostante non abbia mai voluto che qualcuno le scattasse una foto fin dalla sua prima adolescenza, Alanah ha coraggiosamente deciso di affrontare la sua condizione per una nuova serie, No Body’s Perfect, su BBC Four. Ha accettato un servizio fotografico con il fotografo di ritratti e di moda Rankin, per aumentare la consapevolezza del BDD e per aiutare gli altri a riconoscere sintomi simili in se stessi.

Dice che ottenere una diagnosi di BDD è difficile perché c’è così poca consapevolezza del disturbo – ma anche perché chi ne soffre si vergogna così tanto del proprio aspetto che non ne parla apertamente.

“La mia principale preoccupazione per il mio aspetto è il mio naso, ma mi ci sono voluti tre anni di terapia per dire alla mia famiglia o al mio terapeuta che era questo il problema. Non volevo metterlo in evidenza”, dice.

Il servizio fotografico non sarebbe mai stato facile per Alanah, perché lei rifiuta abitualmente tutte le fotografie di se stessa. In alcuni giorni si scattava più di 200 selfie e poi li cancellava tutti.

Non è insolito per qualcuno con il BDD valutare il proprio aspetto scattandosi delle foto, dice Rob Willson, un terapeuta cognitivo comportamentale e presidente della Body Dysmorphic Disorder Foundation. Ma avere una fotografia scattata da qualcun altro può essere abbastanza minaccioso perché è fuori dal controllo della persona.

Didascalia immagine ‘Nella mia testa sembro mostruosa’ Alanah dice a Rankin

Secondo Willson, il BDD inizia spesso nell’adolescenza e può talvolta essere una risposta al bullismo e alle prese in giro. Può anche essere legato a qualcosa che fa sentire una persona diversa. Così, per esempio, lo sviluppo dell’acne potrebbe far sentire qualcuno come se si distinguesse e innescarlo.

“Tutti noi finiamo per preoccuparci molto di più del nostro aspetto nella nostra adolescenza, ma in particolare il BDD si separa dalle preoccupazioni quotidiane, la persona dovrebbe essere preoccupata del suo aspetto per almeno un’ora al giorno”, dice.

“Deve causare livelli significativi di angoscia – come alti livelli di ansia, alti livelli di vergogna o depressione – e deve anche essere abbastanza grave da interferire con il funzionamento della persona.”

I social media hanno reso il disturbo di Alanah molto peggiore perché lei si confrontava costantemente con altri della sua età. Ma Willson dice che anche se la cultura di oggi, ossessionata dall’immagine, ha cambiato il nostro comportamento e ora ci comportiamo come mini-celebrità, scattando selfie invece di guardare in uno specchio tascabile, non possiamo dare la colpa ai social media.

“Ci sono così tanti altri fattori – fattori genetici, fattori sociali, esperienze di vita precoce, variabili di personalità – che vanno a creare un problema così grave come il BDD”, dice Willson.

La natura del disturbo fa sì che una persona pensi di avere un problema fisico piuttosto che un problema psicologico e così può spendere molti soldi in trucco o chirurgia estetica. Ma senza un trattamento adeguato, può avere conseguenze molto più devastanti, dice.

“È uno dei problemi a più alto rischio di tutti i disturbi psichiatrici”, dice Willson. “

Il giorno del servizio fotografico con Rankin, la madre di Alanah ha detto che aveva dei dubbi sul fatto che sua figlia sarebbe andata fino in fondo.

“Sapevo che avrebbe detto a Rankin che non le piacciono le foto”, dice Scarlett, “ma non erano le foto, era se stessa nelle foto che non le piaceva.”

Anche se è stata una lotta, Alanah si è trovata faccia a faccia con il suo disturbo, permettendo per la prima volta a qualcun altro di truccarsi e acconciarsi e permettendo a Rankin di fotografarla.

Image copyright BBC/Reef TV/Rankin
Image caption La fotografia di Alanah scattata da Rankin è ora appesa nella sua casa di famiglia

“Verso la fine mi sono sentita un po’ più a mio agio e sono davvero felice di averlo fatto. Ora, guardando indietro, probabilmente mi piacerebbe rifare tutto da capo, ma questa volta un po’ più sicura e meno ansiosa”, dice.

Il quadro è ora appeso nella casa di famiglia di Alanah.

“Penso che sia molto bella”, dice sua madre Scarlett, “Penso che abbia anche catturato un po’ la sua vulnerabilità.”

Il recupero di Alanah sta andando bene, ora è all’università a studiare psicologia e spera di continuare a fare ricerca sul BDD per un dottorato. Vuole anche diventare una terapista cognitivo-comportamentale per aiutare gli altri con questo disturbo.

E cosa pensa della foto che le ha scattato Rankin?

In No Body’s Perfect, in un filmato girato subito dopo il servizio fotografico, dice: “I miei occhi sono incrociati, le mie mani e le mie braccia sembrano davvero grandi e grosse. Il mio naso sembra storto, la mia faccia è sproporzionata. Non so se riesco ancora a vedermi molto bene.”

Qualche mese dopo, è più ottimista.

No Body’s Perfect con Rankin e Alison Lapper sarà trasmesso giovedì 17 novembre alle 00:00 GMT su BBC Four. Per maggiori informazioni e supporto:

Body Dysmorphic Disorder Foundation

Mind

Help for BDD

OCD UK

OCD Action

La seconda Conferenza Internazionale sul Disturbo Dismorfico del Corpo si terrà a Londra il 26 novembre.

Unisciti alla conversazione – trovaci su Facebook, Instagram, Snapchat e Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *