Razze – Jersey

Razze bovine – Jersey

Storia

Non si sa nulla di preciso sull’origine effettiva del bestiame portato per la prima volta sull’isola di Jersey. La maggior parte delle ricerche concorda sul fatto che il Jersey ha probabilmente avuto origine dalla costa adiacente della Francia, dove in Normandia e in Bretagna si trovano bovini che assomigliano al Jersey.
Qualunque sia la forma filogenetica corretta del Jersey, sembrerebbe, analizzando i dati disponibili, che l’antenato addomesticato del Jersey proveniva dall’Asia, apparteneva con tutta probabilità al Bos brachyceros, fu probabilmente addomesticato durante l’età della pietra, circa 10 000 anni fa o più e migrò in Europa attraverso l’Europa centrale e meridionale e il Nord Africa fino alla Svizzera e alla Francia. Nella Francia settentrionale, alcuni incroci ebbero indubbiamente luogo tra le mandrie di Bos brachyceros puro e Bos primigenius (che per lo più scendevano dalla costa settentrionale dell’Europa fino alla Francia settentrionale).


Foto per gentile concessione di Covington Jerseys, www.covingtonjerseys.com

L’isola di Jersey era unita alla Francia fino a circa A.D. 709 da uno stretto istmo, è logico che il bestiame dalla Normandia e dalla Bretagna sia stato portato regolarmente nei primi tempi sull’isola di Jersey e deve aver giocato un ruolo molto importante nell’origine e nello sviluppo dell’attuale Jersey.
I Jersey sono noti per esistere nella terraferma del Regno Unito dal 1741 e probabilmente ben prima. A quel tempo erano conosciuti come Alderneys.
I tempi fiorenti per la razza sono stati il periodo dal 1860 alla prima guerra mondiale, quando la mucca Jersey ha goduto del più grande periodo di sviluppo della razza in tutto il mondo. Per molti anni, migliaia di animali sono stati spediti negli Stati Uniti ogni anno, ma le registrazioni mostrano che i primi coloni hanno portato lì le Jersey nel 1657. Il Canada ha importato i suoi primi Jersey nel 1868. I Jersey andarono per la prima volta in Sudafrica nel 1880, e nel 1862 la Nuova Zelanda importò il suo primo bestiame.
Anche se non sono disponibili registrazioni delle prime importazioni in Australia, si crede che i primi Jersey arrivarono come “mucche da nave”. Il primo riferimento di una Jersey risale al 1829 quando il signor J. T. Palmer di Sydney pubblicizzò la vendita di 200 Jerseys di razza pura.
L’America Latina importò le sue prime Jerseys prima della fine del secolo. I registri mostrano che intorno al 1892, il primo bestiame andò in Guatemala. Il Brasile ebbe i suoi primi Jerseys quattro anni dopo. Ma fu probabilmente il Costa Rica che importò per primo la razza nell’America centrale e meridionale nel 1873.

Oggi, la razza Jersey è la seconda razza di bovini da latte nel mondo. A Jersey ci sono meno di 6000 Jersey in totale, di cui quasi 4000 sono vacche da latte adulte. La purezza della razza sull’isola è mantenuta da un rigido divieto di importazione. Questo divieto è in vigore da circa 150 anni. Non ci sono altre razze di bestiame sull’isola.
Le mucche sono ben conosciute per il loro latte che è noto per la sua alta qualità – è particolarmente ricco di proteine, minerali e oligoelementi. È anche ricco di colore che è prodotto naturalmente dal carotene, un estratto delle erbe. Il Jerseys ha la capacità di adattarsi a molti tipi di climi, ambienti e pratiche di gestione.

Caratteristiche

E’ tipicamente di colore marrone chiaro, anche se questo può variare dall’essere quasi grigio al nero opaco, che è conosciuto come Mulberry. Possono anche avere macchie bianche che possono coprire gran parte dell’animale. Un vero Jersey avrà comunque sempre un naso nero delimitato da un muso quasi bianco.
I piedi duri e neri del Jersey sono molto meno inclini alla zoppia.
La Jersey è di dimensioni relativamente piccole – circa 400 a 450kgs di peso e hanno una struttura fine ma forte.

Statistiche

  • La Jersey produce una libbra di componenti del latte ad un costo inferiore rispetto alle altre razze principali.
  • Ha pochi o nessun problema di parto, una maggiore fertilità, un intervallo di parto più breve e una maturità più precoce.
  • La Jersey rimane nella mandria più a lungo di qualsiasi altra razza da latte.
  • Il latte Jersey ha un maggiore valore nutrizionale, oltre alla più alta resa e una maggiore efficienza quando viene trasformato in formaggio e altri prodotti a valore aggiunto.


    Foto per gentile concessione di Covington Jerseys, www.covingtonjerseys.com

  • Il latte di Jersey ha un prezzo premium in molti mercati.
  • I jersey si comportano bene in una vasta gamma di sistemi e sono ben noti per la loro alta efficienza di conversione del mangime
  • Il latte di Jersey è per molti versi unico. Come prodotto contiene:- il 18% in più di proteine, il 20% in più di calcio, il 25% in più di grasso di burro rispetto al latte “medio”
  • I jersey sono noti per essere meno suscettibili alla zoppia a causa del colore nero degli zoccoli che li rende molto duri. Poiché le Jerseys sono una razza più leggera, questo può anche dare loro meno problemi di zoppia.
  • Un buon temperamento è importante in una vacca da latte. Nelle moderne sale di mungitura di oggi, la rapidità della produzione ha la massima priorità. Un animale che si comporta male, scalciando continuamente, fuori dalle unità causerà ritardi indesiderati e persino danni alle costose attrezzature. Si ritiene che i Jersey abbiano uno dei migliori temperamenti tra le razze da latte, anche se molto dipende dal trattamento che gli animali ricevono.

Comparativo

Latte
Studi scientifici mostrano anche che la mucca Jersey produce latte in modo più efficiente di altre razze. Questo può essere particolarmente importante nei paesi in cui l’alimentazione può essere limitata. Oltre a rendere la Jersey un’opzione redditizia nei paesi sviluppati dal punto di vista agricolo.
Parto

Uno studio dell’USDA del 2005 ha mostrato che le Jersey negli Stati Uniti mostrano quasi il 20% di superiorità nel numero di parti facili (con un’incidenza molto bassa di parti molto difficili) rispetto ad altre razze da latte più grandi valutate nello stesso studio, indipendentemente dalla lattazione.
Allo stesso modo, i dati del Canadian Dairy Network nel 2005 mostrano che le Jerseys canadesi di prima lattazione hanno il 96% di parti non assistiti o facili da tirare, mentre le vacche nelle lattazioni successive hanno il 99% di parti non assistiti o facili da tirare.
Salute
I risultati di diverse indagini portano alla conclusione che le Jerseys sono meno suscettibili alla mastite, ad esempio, in mandrie da latte della Florida, la mastite e i disturbi alla mammella erano più frequenti tra le Holstein (51% delle vacche trattate) contro il 22% delle Jerseys.

Distribuzione

La Jersey si trova ora in tutto il mondo con alcune delle più grandi popolazioni in paesi come Australia, Canada, Danimarca, Nuova Zelanda, Sud Africa, USA e Zimbabwe, e nel Regno Unito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *