Salt Bae

Gökçe ha visitato diversi paesi tra cui Argentina e Stati Uniti tra il 2007 e il 2010, dove ha lavorato gratuitamente nei ristoranti locali per fare esperienza come cuoco e ristoratore. Dopo il suo ritorno in Turchia, Gökçe ha aperto il suo primo ristorante a Istanbul nel 2010 e successivamente ha aperto un ristorante a Dubai nel 2014.

I piatti serviti nei locali di Gökçe hanno ricevuto recensioni contrastanti e sono stati descritti come “troppo cari”. Le prime recensioni professionali nel 2018 della sua steakhouse di New York City sono state generalmente negative. Steve Cuozzo del New York Post ha definito il ristorante “Public Rip-off No. 1” e Joshua David Stein scrivendo su GQ ha definito la bistecca banale e gli hamburger troppo cotti. Tuttavia, dal punto di vista dell’intrattenimento, le recensioni sono state più positive. Robert Sietsema di Eater afferma: “Se siete intenzionati a giudicare la nuova filiale di Nusr-Et a New York solo come una steakhouse, probabilmente rimarrete delusi … Se, d’altra parte, valutate il posto come dinner theater, lo troverete soddisfacente – ma solo se Salt Bae è in casa”.

Nel dicembre 2017, ha ricevuto critiche per una foto del 2016 in posa davanti a un’immagine di Fidel Castro.

Nel settembre 2018, Gökçe è stato criticato da Marco Rubio e dal consiglio comunale di Miami dopo che il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha cenato al ristorante Istanbul di Gökçe, con Rubio che ha definito Gökçe uno “strano”. Rubio ha twittato le informazioni di contatto del ristorante di Miami di Gökçe, doxxandolo.

A partire dal 2020, Nusr-Et ha filiali ad Abu Dhabi e Dubai negli Emirati Arabi Uniti; Doha in Qatar; Ankara, Bodrum, Istanbul e Marmaris in Turchia; Jeddah in Arabia Saudita; Mykonos in Grecia; Miami, New York, Boston e Dallas negli Stati Uniti.

Nel novembre 2019, quattro ex dipendenti di Gökçe lo hanno accusato di ottenere una quota delle loro mance. Hanno sostenuto di essere stati licenziati dal suo ristorante di New York quando hanno cercato di fare domande sulle mance. Era previsto un processo per indagare sulla questione, finché Gökçe ha raggiunto un accordo con i suoi ex dipendenti e ha pagato loro 230.000 dollari. Spiegando perché li aveva licenziati, ha detto: “Non ero soddisfatto delle prestazioni dei quattro dipendenti. … Da quando sono stati licenziati, hanno agito con la sensazione di ‘guarda cosa ti stiamo per fare’ e hanno avanzato queste accuse di mancia.”

A fine settembre 2020, il suo ristorante a Boston è stato ordinato di chiudere dai funzionari della sanità pubblica diversi giorni dopo l’apertura a causa di violazioni degli standard di sicurezza COVID-19. Tuttavia, all’inizio di ottobre, il ristorante era già stato riaperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *