San Nicola

Morte ed eredità

Diverse fonti affermano che San Nicola sia morto il 6 dicembre 343. Nel corso degli anni, le storie dei suoi miracoli e del suo lavoro per i poveri si diffusero in altre parti del mondo. Divenne noto come il protettore dei bambini e dei marinai e fu associato alla distribuzione dei regali. Fu un santo popolare in Europa fino al tempo della Riforma nel 1500, un movimento religioso che portò alla creazione del Protestantesimo, che si allontanò dalla pratica di onorare i santi. San Nicola, tuttavia, rimase una figura importante in Olanda.

Gli olandesi continuarono a celebrare la festa di San Nicola, il 6 dicembre. Era una pratica comune per i bambini mettere fuori le scarpe la sera prima. Al mattino, scoprivano i regali che San Nicola aveva lasciato lì per loro. Gli immigrati olandesi portarono la leggenda di San Nicola, conosciuto come Sint Nikolaas o con il suo soprannome Sinterklaas, in America nel 1700.

San Nicola passò attraverso molte trasformazioni in America: Sinterklaas divenne Santa Claus, e invece di dare regali il 6 dicembre, divenne parte della festa di Natale. Nella poesia del 1820 “An Account of a Visit from Saint Nicholas” di Clement Clarke Moore, viene descritto come un uomo allegro e pesante che scende dal camino per lasciare regali ai bambini meritevoli e guida una slitta trainata da renne volanti. Il fumettista Thomas Nast ha aggiunto alla leggenda di San Nicola un disegno del 1881 in cui Babbo Natale indossa un vestito rosso con una pelliccia bianca. Una volta un vescovo gentile e caritatevole, San Nicola era diventato il Babbo Natale che conosciamo oggi.

Nel 2017, un team dell’Università di Oxford ha testato al radiocarbonio un frammento di osso pelvico che si dice sia di San Nicola. Il test ha confermato che il frammento d’osso, di proprietà di un prete americano, risaliva all’epoca del santo.

Gli archeologi hanno poi sperato di abbinare l’osso ad altri presumibilmente appartenenti a San Nicola, compresi quelli conservati in una cripta di Bari, Italia, dall’XI secolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *