Sanguinamento e lividi

Cos’è il sanguinamento?

Sanguinamento, chiamato anche emorragia, è il termine usato per descrivere il sangue che fuoriesce dai vasi sanguigni. Il sanguinamento dalla pelle si verifica se c’è una lesione alla superficie della pelle, e a volte può verificarsi spontaneamente. Le aree di sanguinamento più piccole sono note come petecchie (ogni macchia è < 2 mm) e porpora (da 2 mm a 1 cm).

L’emorragia subungueale, o sanguinamento sotto la lamina ungueale, provoca una colorazione viola-nera dolorosa o inosservata. La decolorazione può persistere per mesi perché l’unghia porta con sé il sangue mentre cresce.

Esempi di lesioni cutanee sanguinanti

Cos’è un livido?

Un livido, noto anche come ecchimosi o contusione, si verifica quando piccoli vasi sanguigni (capillari) sotto la pelle sanguinano, mentre la pelle sovrastante rimane intatta. La ferita fa sì che il sangue fuoriesca e si raccolga vicino alla superficie della pelle, causando una decolorazione nero-bluastra della pelle.

Le contusioni più profonde provocano un ematoma – una raccolta di sangue che si trova all’interno di tessuti o cavità del corpo.

Le ecchimosi

Chi sanguina/crudono?

Tutti possono sanguinare da un taglio o sviluppare un livido dopo un infortunio. La gravità del sanguinamento dipende dall’impatto di una ferita. Il sanguinamento ripetuto da una lesione cutanea con una provocazione minima può essere un segno di cancro della pelle, più spesso un carcinoma a cellule basali.

I lividi occasionali sono normali e non richiedono attenzione medica. Sanguinamento e lividi sono più comuni in alcuni individui, come:

  • Persone con toni di pelle più chiari, dove i lividi sono più visibili
  • Persone che fanno molto esercizio fisico o che praticano sport di contatto
  • Persone più anziane, poiché le pareti dei loro vasi sanguigni si indeboliscono e la loro pelle diventa più sottile
  • Persone con un disturbo di coagulazione ereditato o acquisito.

Le irritazioni si verificano più facilmente in alcuni siti dove il sangue si accumula facilmente, come quando un urto relativamente piccolo si traduce in un occhio nero.

Cosa causa emorragie e lividi?

Dopo una ferita, il corpo cerca immediatamente di fermare qualsiasi perdita di sangue.

  1. Le piastrine si accumulano e bloccano qualsiasi difetto nelle pareti dei vasi sanguigni.
  2. I vasi sanguigni si restringono.
  3. I fattori di coagulazione vengono rilasciati.

I difetti in una qualsiasi di queste tre risposte possono portare a sanguinamenti ed ematomi spontanei o eccessivi.

Le piastrine possono essere disfunzionali o in numero ridotto. Questo può essere dovuto a condizioni come:

  • Anemia aplastica
  • Leucemia
  • Disordini autoimmuni, come il lupus eritematoso sistemico
  • Coagulazione intravascolare disseminata
  • Sindrome emolitico-uremica
  • Purpura trombotica trombocitopenica
  • Malattia renale
  • Droghe che influenzano le piastrine (es, aspirina e clopidogrel), come i farmaci prescritti per prevenire attacchi di cuore e ictus, e farmaci antinfiammatori non steroidei.

I difetti dei vasi sanguigni, dove i vasi sono contorti o allargati, includono:

  • Vasculite
  • Carenza di vitamina C
  • Sindrome di Marfan
  • Sindrome di Ehlers-Danlos.

Un deficit di fattori di coagulazione può essere dovuto a farmaci che influenzano i fattori di coagulazione (ad esempio, warfarin, eparina, rivaroxaban e apixaban). Questi sono spesso prescritti per la fibrillazione atriale o un recente coagulo di sangue nelle vene o nei polmoni. Una carenza di fattori di coagulazione può anche essere il risultato di una condizione medica, come:

  • Malattia del fegato
  • Haemophilia
  • Carenza di vitamina K
  • Malattia di Von Willebrand
  • Deficienze in altri fattori di coagulazione.

L’uso di steroidi sistemici o topici può anche aumentare la probabilità di lividi.

Segni di disturbi di sanguinamento

Quali sono i sintomi di sanguinamento e lividi?

I vasi sanguigni più grandi, come le arterie, portano a sanguinamenti più profondi e prolungati di quelli più piccoli, come i capillari. Una volta che l’emorragia si è fermata, si forma una crosta nerastra o crosta mentre la ferita guarisce al di sotto.

In genere, un livido appare inizialmente come una macchia rossastra, che si sviluppa in poche ore in una decolorazione blu, nera o viola. Può essere doloroso subito dopo il livido e l’area può essere gonfia. Nel corso di qualche giorno, il colore svanisce in un verde-giallastro, come il sangue fuoriuscito si rompe.

Quali test possono essere eseguiti?

In genere, i test non sono necessari per le contusioni. Tuttavia, se si sospetta un osso rotto, può essere necessaria una radiografia.

Se i lividi si verificano senza motivo o con estrema frequenza, possono essere richiesti esami del sangue per confermare un difetto piastrinico e determinare se c’è un problema medico sottostante.

  • Le petecchie possono essere dovute a un difetto piastrinico.
  • La porpora pigmentata può indicare una capillarite.
  • La porpora palpabile suggerisce una vasculite.
  • Grandi lividi suggeriscono carenze di fattori di coagulazione da malattie epatiche o dalla malattia di von Willebrand.
  • Il sanguinamento nelle articolazioni può indicare emofilia.
  • Il trasudamento intorno a cateteri e siti di salasso in un paziente malato può indicare coagulazione intravascolare diffusa, carenza di vitamina K, o trombocitopenia.

Quando dovrei consultare un medico?

Sono necessarie cure mediche urgenti se il livido è associato a gonfiore e dolore estremo, perché potrebbe indicare una frattura dell’osso sottostante.

Una valutazione medica è anche indicata per:

  • Il livido è più frequente o grave del normale
  • Il livido senza motivo
  • Il sanguinamento dalle gengive, dall’intestino o nelle urine
  • Il livido o il sanguinamento significativo quando si assumono farmaci anticoagulanti
  • Il livido doloroso sotto le unghie.

Qual è il trattamento per i lividi?

Non esiste un trattamento medico particolare per i lividi. Tuttavia, ci sono alcune tecniche che possono essere utilizzate a casa per ridurre il gonfiore e accelerare il processo di guarigione.

  • Preparare un impacco di ghiaccio avvolto in un asciugamano o una flanella fredda. Applicalo sulla zona interessata per 30 minuti, appena possibile dopo l’infortunio.
  • Se pratico, tieni la zona contusa sollevata dopo l’infortunio.
  • Paracetamolo può aiutare con il dolore grave.

I farmaci antinfiammatori non steroidei, come l’aspirina e l’ibuprofene, non sono raccomandati, in quanto possono peggiorare l’emorragia che porta al livido.

Qual è il risultato dei lividi?

I lividi di solito impiegano circa due settimane per scomparire. Possono impiegare più tempo a scomparire dalla parte inferiore delle gambe.

Come posso prevenire i lividi?

  • Indossa indumenti e attrezzature protettive, come i parastinchi, quando fai sport.
  • Tieni i mobili e altri grandi oggetti lontano dalle passerelle.
  • Evitare gli ostacoli, come i cavi che possono portare a inciampare.
  • Se stai assumendo farmaci fluidificanti del sangue, fai controllare il tuo sangue attraverso esami e appuntamenti regolari.
  • Assicurati che la tua dieta abbia un’adeguata vitamina C, che si trova in frutta e verdura fresca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *