The Rock ha subito una tragica perdita con la morte di suo cugino Umaga

Vince McMahon ha visto troppe stelle della WWE morire giovani. Da Owen Hart a Chris Benoit a Eddie Guerrero, il mondo del wrestling ha subito morti tragiche nel corso degli anni. Nel 2009, Edward Fatu, meglio conosciuto con il suo nome da wrestler Umaga, è diventato l’ultima superstar della WWE a morire.

Il padre di quattro figli avrebbe dovuto essere nel fiore degli anni. Invece, non ha mai vissuto per vedere il suo 37° compleanno. Ecco la storia della tragica morte di Umaga.

Umaga è diventato due volte WWE Intercontinental Champion

RELATO: La tragica morte della leggenda della WWE The Ultimate Warrior

Nato nelle Samoa americane, Edward Fatu proveniva dalla famiglia Anoa’i, una delle famiglie più famose nel mondo del wrestling. Infatti, i suoi due fratelli maggiori lottavano. Era anche cugino di Dwayne “The Rock” Johnson e di Roman Reigns.

Dopo aver debuttato nella piccola promozione di wrestling di suo zio, ha ottenuto un contratto di sviluppo con l’allora World Wrestling Federation. Non è stato esattamente all’altezza delle aspettative e ha finito per portare il suo talento altrove per qualche anno.

Tuttavia, dopo aver rifirmato con la WWE nel 2005, Fatu ha debuttato ufficialmente come personaggio Umaga. Con un’altezza di 6 piedi-4 e 350 libbre, vantava dimensioni e forza incredibili. A partire dal 2006, Umaga ha messo a segno una ridicola striscia di vittorie che si è conclusa con 34 incontri.

Ha finalmente assaggiato l’oro del campionato quando ha vinto l’Intercontinental Championship da Jeff Hardy nel 2007. Anche se ha perso la cintura del titolo, l’ha riconquistata a luglio sconfiggendo Santino Marella.

Purtroppo, la carriera di Umaga in WWE si è conclusa nel giugno 2009, quando la compagnia ha rilasciato Fatu dal suo contratto. Solo nessuno sapeva che sei mesi dopo anche la sua vita sarebbe finita.

La superstar della WWE è tragicamente morta per un attacco di cuore

RELATO: La tragica morte dell’ex stella dei Patriots e condannato per omicidio Aaron Hernandez

Uno degli aspetti trascurati del lavoro come wrestler professionista deve essere il pedaggio fisico che richiede al corpo. Il martellamento dei colpi sul tappeto può portare a lesioni, urti e contusioni. Allo stesso tempo, i wrestler sono noti per avere alcune abitudini malsane, compreso l’uso di droghe. Questo ha giocato un ruolo nella tragica morte di Umaga.

Il 4 dicembre 2009, sua moglie lo ha trovato a casa senza reagire e con il sangue che gli colava dal naso. Nonostante sia stato portato di corsa all’ospedale dopo aver subito un attacco di cuore, i medici non hanno potuto salvare Fatu. Mesi dopo, The Columbian ha diffuso maggiori dettagli sul ruolo che le droghe hanno giocato nella sua prematura scomparsa. Secondo il rapporto dell’autopsia, la morte di Fatu è stata causata principalmente dagli effetti combinati di antidolorifici e di un rilassante muscolare.

Un portavoce della World Wrestling Entertainment ha detto al Chronicle martedì che Fatu è stato liberato dal suo contratto a giugno per aver rifiutato di entrare in un programma di riabilitazione legato alla droga.

La tragica morte di Umaga a 36 anni avrebbe dovuto essere un caso eccezionale. Sfortunatamente, ha subito un destino simile che molte altre stelle della WWE hanno incontrato troppo presto.

La scomparsa di Umaga ha fatto luce sul problema della morte precoce del wrestling

RELATO: The Rise and Tragically Gruesome Fall of WCW and WWE Star Chris Benoit

La tragica morte di Umaga ha rappresentato un’altra statistica per il mondo del wrestling. Infatti, un rapporto della CNN ha rivelato il problema dell’industria dei wrestler che muoiono ben prima di aver compiuto 50 anni. Infatti, meno di nove mesi prima della morte di Umaga, il pro wrestler canadese Andrew Martin, meglio conosciuto come Test, è morto di overdose.

Kevin Eck, un assistente redattore sportivo del Baltimore Sun e gestore di un blog sul wrestling professionistico, ha detto: “Sta accadendo molto più frequentemente in questo sport di quanto sia mai accaduto, ed è un problema enorme. Se questa fosse la Major League Baseball e ci fossero ragazzi che muoiono sotto i 40 anni, sarebbe un problema molto più grande – ma siccome è il wrestling, vola sotto il radar.”

Sia Guerrero che Benoit sono morti in modo tragico ben prima che la loro carriera di wrestler fosse finita. Le star della WWE avevano sofferto di molti disturbi fisici. Guerrero ha combattuto contro l’abuso di sostanze, compresa la dipendenza dagli antidolorifici.

Benoit è morto per suicidio dopo aver ucciso la moglie e il figlio. I ricercatori hanno scoperto che il suo cervello mostrava danni così gravi che assomigliava a quello di un paziente di 85 anni con l’Alzheimer.

In definitiva, Umaga non è riuscito a superare alcuni dei suoi problemi. Ma certamente ha lasciato un segno indelebile nel mondo prima di morire.

“Aveva i suoi demoni, ma ha trovato molta forza nella sua famiglia”, ha detto l’amica di famiglia ed ex personalità della WWE Dawn Marie Psaltis. “Viene da una lunga stirpe di wrestler professionisti e ha reso la sua famiglia orgogliosa”

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *